Condividi
   politica

Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

25-06-2017

LUNGOMARE, MULTE ILLEGITTIME E DANNO ERARIALE

.

Ha del surreale la situazione dei parcheggi a pagamento nel lato del lungomare che va da Capo Portiere a Rio Martino. Un tratto già gravato dalla mancanza di chioschi e servizi per la balneazione e ora reso ulteriormente disagevole alla fruizione di turisti e cittadini dalla tragicomica organizzazione del pagamento della sosta. Le indicazioni che svettano sui parcometri fuori uso in quel tratto di strada danno il senso di quanto sia trascurata la Marina di Latina che si fregia della bandiera blu. Ci domandiamo, come sia possibile chiedere a chi si parcheggia di percorrere a pedi distanze così lunghe sotto il sole, da un capo all'altro di quel tratto di lungomare per acquistare il tagliandino per la sosta, quando forse basterebbe impiegare dei giovani a fare i biglietti per ovviare al problema. Crediamo che eventuali multe, anche e soprattutto per la mancanza della possibilità di pagare con il bancomat o con altre forme di moneta elettronica come da recenti orientamenti della giurisprudenza italiana, verranno presto dichiarate nulle. Tutto questo con grave danno per le casse comunali e con responsabilità certa e appurata degli amministratori che potrebbero anche venire chiamato a rispondere di danno erariale nei confronti della nostra città. Leggiamo spesso le ripetute giustificazioni da parte di Lbc, che si difende dalle accuse di chi gli contesta il degrado in cui ha fatto piombare la nostra amata città, adducendo la mancanza di fondi nelle casse comunali, ma come dimostra anche questa vicenda non ci pare che Coletta e i suoi brillino per inventiva nel recupero delle risorse. Alleanza per Latina




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

21-06-2017

FORTE (PD) : NESSUNA AUTORIZZAZIONE PER LA DISCARICA DI APRILIA IN LOCALITA’ LA COGNA

.

“La discarica in località La Cogna non ha ricevuto la VIA. L'Assessore Buschini, questa mattina in aula, ha annunciato che la conferenza dei Servizi della Regione Lazio non ha autorizzato la realizzazione di una nuova discarica ad Aprilia. E' un ottimo risultato per il nostro territorio. Da sempre abbiamo lavorato per tutelare i cittadini di Aprilia affinché sul loro territorio non gravasse l’ennesima servitù. Ci siamo sempre battuti per l'autosufficienza delle provincie nella gestione dei propri rifiuti e la vicinanza con la capitale non deve permettere a nessuno di ritenerci la discarica di Roma. La decisione durante la conferenza dei servizi ribadisce quella che da sempre è la nostra posizione in materia di rifiuti.” Lo dichiara in una nota il consigliere regionale Enrico Forte




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

21-06-2017

Amministrazione condivisa, Labsus investe su Latina

riceviamo e pubblichiamo

Labsus, la rete per la gestione condivisa dei beni comuni, e il Comune sono pronti a lavorare insieme per rendere Latina una città laboratorio del Lazio sul fronte dell’amministrazione condivisa. L'associazione nata nel 2006 con l’obiettivo di promuovere un nuovo modello di società basato sul principio di sussidiarietà orizzontale metterà a disposizione la sua esperienza per affiancare e supportare il lavoro di costruzione del “Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani” e per promuovere esperienze di gestione partecipata di beni e spazi comuni.  «Labsus in questa prima fase ci accompagnerà nell'adattare alla nostra realtà il Regolamento per la cura condivisa dei beni comuni» spiega l’Assessore alle Politiche giovanili Cristina Leggio. Il percorso è già stato avviato dall’Amministrazione: domani, mercoledì 21 giugno, la bozza del Regolamento sarà in discussione in Commissione Città Internazionale. «L’obiettivo – aggiunge Leggio - è di offrire possibilità ulteriori di partecipazione attiva, valorizzare le molteplici energie e risorse presenti nelle comunità, mettere a sistema l'autonoma iniziativa dei cittadini che intendono partecipare alla cura, insieme al Comune, dei beni comuni, introdurre un nuovo modello di amministrazione locale: l'amministrazione condivisa».  Per la fine del mese di luglio alcuni rappresentanti di Labsus saranno a Latina per un incontro pubblico che potrà essere il primo passo per mettere in rete tutti i soggetti –istituzioni, associazioni, gruppi informali, cittadini attivi – interessati alla cura del territorio. Ma non ci si fermerà solo alla nostra città: «Si sta costituendo una rete Labsus del Lazio e Latina – sottolinea l’Assessore – ne farà assolutamente parte. Lavorare insieme è la chiave per una crescita autentica e vitale non solo della città, ma di tutto il nostro territorio».




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

21-06-2017

Di Cocco: 'La nuova gara per il Tpl a Latina mette a rischio i posti di lavoro'

riceviamo e pubblichiamo

'La nuova gara per il Trasporto Pubblico Urbano rischia di lasciare a piedi i dipendenti che finora, nonostante le tante proroghe e le tante attese hanno garantito il servizio nel Comune di Latina'. Esprime preoccupazione per un aspetto controverso del bando licenziato dagli uffici comunali l'esponente di Idea - Cuori Italiani, Gianluca di Cocco già assessore al Comune di Latina. A leggere con attenzione il testo della nuova gara, così com'è stato predisposto dall'amministrazione comunale non vi è la garanzia che in caso subentri un nuovo soggetto il personale venga interamente riassorbito. Una clausola di salvaguardia dei posti di lavoro, che mai come in un momento economico cosi duro, di cui invece l'ente locale dovrebbe tener conto anche in base all'articolo 22 della legge regionale 30 del '98. 'Il mio timore - spiega Di Cocco - è che si sia voluto lasciare un margine troppo ampio di discrezionalità a chi gestirà il servizio, non garantendo adeguatamente i posti di lavoro e la dignità di chi in questi ultimi anni ha operato garantendo il servizio ai cittadini di Latina'. Una preoccupazione condivisa anche dai sindacati dei lavoratori che chiedono che venga tutelata 'la dignità del lavoro come elemento di beneficio per tutta la comunità'. Mi auguro quindi è mi appello, così come fanno anche i vertici sindacali che tutelano i lavoratori, che ci possa essere un intervento risolutivo da parte delle istituzioni regionali presso il comune di Latina affinché vengano tutelati in maniera forte i posti di lavoro e i diritti dei lavoratori e delle loro famiglie.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

15-06-2017

Buone pratiche a confronto nella I^ Giornata del Bene Comune

riceviamo e pubblichiamo

Ad un anno dall’inizio del suo mandato amministrativo, il Sindaco Damiano Coletta ha voluto organizzare per martedì 20 giugno la I^ Giornata del Bene Comune. L’evento, che si terrà nella sala Enzo De Pasquale del Municipio a partire dalle 9.30, vuole rappresentare un’occasione di confronto aperta a tutta la cittadinanza sulle esperienze di democrazia partecipata, sulle buone pratiche amministrative, sulla gestione condivisa e la rigenerazione dei beni comuni urbani. Alla tavola rotonda sono stati invitati a portare ognuno un proprio contributo: Ermete Realacci, Presidente della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici della Camera dei Deputati e di Symbola, la Fondazione per le Qualità Italiane che promuove la soft economy come modello di sviluppo; il Vicepresidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio; il Sindaco di Messina Renato Accorinti; Paolo Maddalena, Vicepresidente Emerito della Corte costituzionale e promotore del ciclo di assemblee “Attuare la Costituzione”; Giorgia Bassano, attivista della società sportiva dilettantistica “Calciosociale”; Vittorio Cotesta, professore di Sociologia generale presso l'Università  di Roma Tre;  Antonio Fabrizio, fondatore di Tech Startup City. Modera l’incontro il Capo di Gabinetto del Comune di Latina, Vincenzo Abbruzzino. Il Sindaco Damiano Coletta interverrà in apertura di lavori.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

15-06-2017

Open Day per i Servizi Sociali, venerdì il primo incontro dedicato all’area Minori e Famiglie

.

I Servizi Sociali si presentano alla cittadinanza. Su iniziativa dell’Assessorato guidato da Patrizia Ciccarelli venerdì 16 giugno, nel giardino interno del Municipio, a partire dalle 16.30, si svolgerà un vero e proprio Open Day pensato per informare e orientare la comunità sull’offerta di interventi sociali che l’Amministrazione ha attivato sul territorio comunale. “Vi raccontiamo una storia… dalla persona alla comunità” è il titolo scelto per l’evento che per questo primo step sarà dedicato all’illustrazione delle attività dei Servizi Sociali in materia di tutela dei minori e sostegno alla genitorialità. I cittadini e le cittadine potranno incontrare l’equipe di lavoro degli uffici comunali, gli operatori del settore, il mondo dell’associazionismo e della scuola, conoscere gli interventi e le attività di assistenza e sostegno di cui l’Amministrazione si fa promotrice in particolare nei confronti di famiglie, ragazzi e ragazze. Chi si inoltrerà nel giardino incontrerà cinque postazioni, una per ogni Servizio dell’area Minori e Famiglie oggetto dell’incontro: sono l’Ufficio minori (Servizio di sostegno alla genitorialità, infanzia e adolescenza); il Centro per la Famiglia; l’Integrazione scolastica; i Centri minori; l’A.D.E. (Assistenza educativa domiciliare). La scaletta della giornata prevede accoglienza e giro tra le postazioni (16.30-17.30), saluto del Sindaco Damiano Coletta (17.30-18), esibizioni musicali (18-18,30), testimonianze e proiezioni (18,30-19,30). Scopo degli Open Day è anche favorire la partecipazione attiva, mettere l’accento su come i Servizi Sociali del Comune siano la porta di accesso a tutta una serie di servizi erogati dall’Ente. «Il lavoro delle Politiche Sociali – sottolinea l’Assessora Ciccarelli – è un lavoro fatto in punta di piedi, resiliente, che non si stanca mai, che mette la persona al primo posto affinché si possa cercare assieme quel benessere che consenta la realizzazione di un progetto di vita solido. Coinvolgere la collettività permette di accogliere nuovi stimoli, importanti per costruire un benessere di comunità. In tal senso è fondamentale la sinergia che si crea con le famiglie, gli enti, le associazioni, le aziende, la scuola, con tutte le istituzioni perché abbiamo bisogno di costruire qualcosa che sia duraturo nel tempo e abbia radici profonde e salde nel territorio».




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

15-06-2017

La Regione scommette su Sermoneta: investimenti, cultura ed e-commerce grazie alle Reti di Impresa

.

Aziende e attività commerciali di Sermoneta faranno squadra nel nome della promozione e della cultura. La Regione Lazio ha ammesso a finanziamento l'ambizioso progetto di “Reti d'Imprese” che l'Amministrazione comunale, in collaborazione con Yes Europe onlus, ha presentato lo scorso dicembre. Si tratta del secondo progetto più quotato in provincia di Latina. Nel progetto vengono coinvolte sia le imprese del centro storico che della pianura, con il coordinamento dell'assessorato al commercio: al centro ci sarà un portale web di e-commerce che darà la possibilità di prenotare o acquistare i prodotti e i servizi, anche di natura culturale. Nel centro storico e nelle aree a valle interessate da attività economiche della rete verranno effettuati investimenti per l’arredo urbano, piantumaggio, sistemi di segnaletica turistico/commerciale correlata al progetto e videosorveglianza per il contrasto all’illegalità. Ci sarà una tessera fedeltà con la quale si avrà diritto ad un voucher per partecipare alle attività culturali e sportive, dormire o acquistare presso altre strutture commerciali della rete. L’utente che acquisterà on line i prodotti e/o servizi offerti da almeno un’azienda di ogni categoria merceologica della rete riceverà un sconto maggiore e la possibilità di praticare le attività culturali e sportive proposte dalla rete a prezzi dedicati, premi, gadget e diritto a contenuti e sconti esclusivi: eventi, visite guidate, cicloturismo, cavallo, trekking, canoa, passeggiate naturalistiche proposte dalle associazioni aderenti. Il progetto vede partner prestigiosi, oltre a una trentina di aziende del territorio: Turismopoli dell’Universita Tor Vergata, il Polo per la Mobilità sostenibile dell’Università La Sapienza, Scuola di Roma Fund-raising. La cittadinanza sarà il centro nevralgico della comunicazione ed elemento di distinzione territoriale. E proprio alla cittadinanza sarà dedicato l’evento ufficiale di presentazione della rete, novità assoluta nel marketing territoriale: Sermoneta, i suoi abitanti e la rete commerciale costituita saranno l’oggetto di un videogioco per smartphone co-creato da 30 sviluppatori provenienti da tutta Europa e dalla cittadinanza attiva al termine di una settimana di eventi, presentazioni, degustazioni e attività culturali e sportive a prezzi di lancio. “Un progetto ambizioso al quale abbiamo creduto fin da subito – spiegano il Sindaco Claudio Damiano e l'Assessore alle Attività produttive Antonio Di Lenola – per dare ulteriori stimoli all'economia attraverso strumenti innovativi, e-commerce e nuove forme di comunicazione. Nuovi stimoli di cui beneficeranno le nostre attività commerciali: a breve sarà organizzato un incontro pubblico per presentare il progetto e stabilire insieme le modalità operative.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

15-06-2017

Latina Città della Cultura del Lazio, al via la raccolta di proposte per la candidatura al bando regionale

riceviamo e pubblichiamo

E’ stato pubblicato sull’albo pretorio l’Avviso Pubblico per raccogliere progetti, idee, proposte con cui il Comune intende candidare Latina al titolo di Città della Cultura della Regione Lazio. L’Assessorato alla Cultura punta al contributo di 100mila euro previsto dal bando di concorso della Regione che premierà un programma di iniziative e attività di valorizzazione e fruizione del patrimonio culturale orientate a promuovere la crescita del turismo e degli investimenti nel territorio. L’Avviso regionale, rivolto ai Comuni del Lazio, prevede all’articolo 8 la possibilità di condividere i progetti con soggetti pubblici e privati presenti sul territorio e un’eventuale partecipazione dei cittadini al percorso di candidatura. In linea con tali disposizioni, l’Amministrazione ha pubblicato l’Avviso perché intende definire i contenuti della propria candidatura coinvolgendo la cittadinanza, gli operatori economici, le associazioni, gli enti pubblici e tutti i soggetti interessati al rilancio turistico, culturale e sociale di Latina e del suo territorio. Dal Comune arriva l’invito a presentare idee utili a predisporre la proposta per la candidatura della città e che siano di supporto all’Amministrazione nella messa a punto del progetto con cui concorrere al titolo. Tali idee dovranno essere inviate all’indirizzo di posta elettronica scuolaculturasport@pec.comune.latina.it o consegnate al Palazzo della Cultura di Via Umberto I entro il 25 giugno. I tempi stringenti sono dettati dal bando regionale, in scadenza il 10 luglio.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

12-06-2017

Tutti i sindaci eletti, al ballottaggio Secci e la Gervasi a Sabaudia

.

A Cori eletto il sindaco Mauro De Lillis, già assessore al bilancio nella giunta di Tommaso Conti,a Gaeta il neo sindaco è Cosmo Mitrano,riconfermato primo cittadino. A Ponza Francesco Ferraiolo sconfigge l'uscente Vigorelli. A San Felice Circeo vince Giuseppe Schiboni. Eletto a Sezze Sergio Di Raimo del PD. Gerardo Santomauro vince a Ventotene mentre a SS Cosma e Damiano Franco Taddeo è riconfermato primo cittadino.Solo a Sabaudia si disputerà il ballottaggio tra Giada Gervasi e l'azzurro Giovanni Secci.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

12-06-2017

Primo fine settimana con il nuovo senso unico di marcia sul Lungomare di Latina

.

Il Lungomare di Latina ha retto alla prova del primo weekend dopo l'inversione del senso unico di marcia nel tratto Foce Verde – Via Casilina attivato martedì 6 giugno. Anche sabato e domenica non si sono registrati i paventati straordinari disagi alla viabilità grazie alla attenta programmazione delle diverse attività da parte del Comandante della Polizia Municipale avv. Francesco Passaretti e delle donne e uomini da questi coordinati. Due pattuglie, una fissa a presidio del delicato varco di Foce Verde, e l'altra mobile sul Lungomare, a segnalare alla ditta incaricata, quando necessario, anche la rimozione dei veicoli in divieto di sosta fuori dagli stalli autorizzati nell' ordinanza istitutiva del senso unico. Precisamente sono stati realizzati sia stalli gialli per consentire la sosta ai portatori di handicap e il carico/scarico merci sia stalli bianchi per la sosta breve (max 30 minuti) in prossimità degli esercizi commerciali di somministrazione cibi e bevande, sottolineando così anche l'attenzione alle necessità degli operatori commerciali e dei turisti L'assessora Maria Paola Briganti, delegata alla mobilità, ha espresso apprezzamento per questa ulteriore dimostrazione di come la Polizia Municipale, in condizioni difficili di personale e risorse, operi in sintonia con l'Amministrazione con capacità e impegno spesso non comuni.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

11-06-2017

Chiarato: 'Uffici circoscrizionali dei Borghi da un anno senza collegamento informatico con Piazza del Popolo

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO

Il sindaco Coletta e tutta la sua maggioranza continuano a snobbare i cittadini dei borghi di Latina. È da un anno oramai che gli uffici circoscrizionali di Borgo grappa e Borgo San Michele, aperti rispettivamente un giorno a settimana: il martedì a Borgo Grappa e il giovedì a Borgo San Michele; non hanno il collegamento con i sistemi informatici del comune e quindi non rilasciano i certificati richiesti dai cittadini creando un non servizio per chi vive in quelle comunità. Eppure lo scorso anno di questi tempi il leader di Lbc era in tour per i nostri borghi con i suoi gazebo a chiedere fiducia e voti assicurando una grande attenzione da parte della sua amministrazione. Invece oggi purtroppo sempre più persone si accorgono di quante bugie abbia raccontato il sindaco Coletta durante la sua campagna elettorale, venata di retorica, falso moralismo e promesse dimenticate il giorno dopo la sua elezione. Coletta invece di occuparsi dei problemi quotidiani dei suoi concittadini pensa a cambiare nome al Parco Mussolini utilizzando strumentalmente la memoria di Falcone e Borsellino, mentre i Borghi sicuramente non sono nei suoi pensieri, così come non sono nei suoi pensieri quei cittadini che li abitano e li vivono e che lui considera di serie B. Le prime avvisaglie di questo orientamento discriminatorio verso le nostre comunità era d'altronde già iniziato con la statalizzazione coatta dell'asilo gestito dalle suore a Borgo Carso e con le dichiarazioni di alcuni esponenti LBC 'scandalizzati' dall'idea di illuminare le strade che portano ai nostri borghi. Evidentemente dopo aver incassato i voti in libera uscita al ballottaggio dello scorso anno oggi Coletta pensa di poter dimenticare i cittadini che lo hanno eletto. (Gianni Chiarato)




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

09-06-2017

Elezioni Circeo. Saputo chiude la campagna con una festa

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO

A Borgo Montenero Eugenio Saputo e la sua squadra chiuderanno la campagna elettorale questa sera venerdì 9 giugno, con una festa che dalle 20.30 vedrà sul palco gruppi musicali di giovani sanfeliciani. “Una festa, in cui si ritroveranno i candidati e i tantissimi cittadini che sono stati con noi in queste settimane faticose ed entusiasmanti”, dichiara il candidato sindaco. Sarà un ospite d’eccezione a presentare i dodici aspiranti consiglieri. “A sorpresa Marzio Honorato, notissimo volto del cinema e della tv – dice Saputo -, sarà con me sul palco a far sfilare la squadra che, tutta, si propone per il governo del paese: giovani, giovanissimi e persone più esperte, garanzia di capacità, onestà e rispetto delle regole, con un progetto di paese che abbiamo delineato nei cinque anni passati e svilupperemo nel prossimo mandato. Energie e capacità al servizio di un nuovo San Felice Circeo”, conclude Saputo.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

09-06-2017

MichiamoLittoria: lunedì 12 giugno chiusura della raccolta firme

.

Il Movimento civico storico culturale Mi Chiamo Littoria comunica che lunedì 12 giugno verranno ritirati i moduli dai punti di raccolta firme nella considerazione che le firme raccolte sono oltre il necessario per l’inoltro della prevista “proposta” di ritorno o meno al nome originale di Littoria per la Città, così come previsto dall’articolo 76 e 77 dello Statuto Comunale e disciplinato dall’art. 9 del Regolamento Comunale per la partecipazione e l’iniziativa popolare: istanze, petizioni, proposte. Tale proposta di iniziativa popolare sarà depositata al Comune di Latina il prossimo 30 giugno in occasione dell’85° anniversario della posa della prima pietra della città, cui seguirà nel pomeriggio la conferenza stampa che illustrerà i termini della citata iniziativa popolare. Si ringraziano tutti coloro che firmando hanno permesso di stimolare la Giunta Municipale ed il Consiglio Comunale a prendere in considerazione l’anzidetta proposta nell’esclusivo interesse storico e per riconciliare la Città con il suo passato, con l’origine del luogo e con quali sacrifici e duro lavoro il luogo è sorto. Se riusciremo a restituire alla città il nome anagrafico di Littoria, o se riusciremo almeno a dare pari dignità al nome di Littoria con quello di Latina, non avremmo fatto una azione nostalgica, ma avremmo fatto vincere la Storia con un percorso in cui la storia non viene cancellata ma attualizzata.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

09-06-2017

Elezioni al Circeo. Discorso di chiusura campagna elettorale di Stefano Capponi

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO

Una chiusura elettorale molto sentita quella di mercoledì sera da parte del candidato Stefano Capponi, lista Insieme per il Circeo. L’incontro con la cittadinanza si è svolto nell’area La Torre a Borgo Montenero. In una piazza gremita ed entusiasta fin dalle prime ore (oltre mille persone presenti), sul palco si sono alternati momenti musicali e, naturalmente, non è mancato il saluto del candidato a Sindaco Stefano Capponi, presenti anche i 12 aspiranti consiglieri comunali. Dal palco Capponi ha parlato a braccio e con il cuore ai suoi concittadini: “Mi rivolgo soprattutto a coloro che sono indecisi e a chi ha intenzione di non andare a votare domenica 11 giugno. Mi metto nei vostri panni e per cinque volte mi pongo la domanda sul perché devo votare per Stefano Capponi e per Insieme per il Circeo. Per prima cosa, lo avete visto, una prima risposta sta nel simbolo della nostra lista. Ci sono due torri: quella dei Templari nel centro storico e quella dell’orologio di Borgo Montenero. E’ giunto il momento della condivisione. Lavoreremo nel campo dei lavori pubblici, dell’urbanistica portando avanti l’edilizia economica popolare passando attraverso le conciliazioni, con particolare cura per il decoro e mantenimento dei cimiteri e per la risoluzione definitiva dei livelli baronali. Seconda risposta al perché votare noi: mi conoscete, non sono una persona che usa la politica delle accuse, delle ripicche, dei dispetti gratuiti, che punta il dito. Sono sempre stato e continuerò ad esserlo una persona propositiva e costruttiva. Con le liti non si arriva da nessuna parte, si fa solo del male al paese e ai suoi cittadini. Ostinarsi a guardare solo il proprio orticello è deleterio, per questo una volta eletti saremmo molto attenti alle politiche tributarie, cercando di abbassare le tasse ove possibile e proponendo la formula del Bilancio Partecipato, affinché voi cittadini sappiate come vanno spesi i soldi dell’amministrazione. Ci occuperemo anche e soprattutto di sicurezza intesa non solo come lotta alla criminalità, ma in particolar modo come sicurezza sulle nostre strade troppo spesso sulle cronache per tremendi e mortali incidenti. Inoltre, e questa è la terza risposta che mi do, credetemi sono veramente stufo, amareggiato di vedere i nostri giovani che lasciano il paese per andare in cerca di lavoro altrove. Dobbiamo creare per loro il futuro, dobbiamo immaginare di essere in un campionato di calcio, in lotta per due scudetti: quello del turismo con tutte le sue sfaccettature non solo quello mordi e fuggi o della vacanza estiva. Turismo significa soprattutto destagionalizzare, mettere in grado il visitatore di poter usufruire delle nostre bellezze e delle nostre offerte anche e soprattutto d’inverno. Il secondo scudetto da raggiungere è dare centralità all’agricoltura che è il motore trainante di San Felice Circeo, con tutte le eccellenze gastronomiche e non solo. La qualità delle nostre colture è già conosciuta, dobbiamo continuare a lavorare in questa direzione: valorizzare i nostri prodotti agricoli con un riconoscimento chiamato “Spiga Verde” rilasciato, come la Bandiera Blu dalla Fee; una sorta di bollino di qualità dato ai Comuni con importanti zone rurali. Desideriamo far cooperare le realtà del nostro territorio in modo che si valorizzi e si tuteli la terra che lavoriamo e in cui viviamo. Ed ancora con la quarta risposta mi rivolgo ai giovani, che sono il futuro di ogni cosa. Durante gli anni in cui sono stato assessore sono sempre stato loro vicino, occupandomi di tutte le forme di espressione dei nostri ragazzi: saggi di danza, band musicali, teatro e altro. E’ giunto il momento di creare per loro un forum comunale giovanile per capire quali sono i loro orientamenti e per aiutarli nel loro cammino, accettando anche le loro critiche costruttive. Per loro dobbiamo combattere la piaga del alcol e della droga con campagne di sensibilizzazione adeguate ed efficienti. L’ultima risposta che non avrei mai pensato e voluto dare in vita mia è rivolta a tutte le persone che si sentono inadeguate: più di qualche anziano che ho incontrato mi ha manifestato la sua difficoltà, anche con vergogna, nel portare avanti la vita di tutti i giorni; alcuni giovani mi hanno dichiarato la loro mancanza di stimoli nel mettere in campo progetti per il loro futuro; mamme che non sanno come arrivare a fine mese; uomini di una certa età disillusi e depressi perché licenziati e senza lavoro…Nell’incontrare queste persone, credetemi, ogni giorno nasceva in me una sorta di rabbia, che ha portato le mie convinzioni a diventare determinazioni: ho deciso di ribellarmi in modo costruttivo a questo stato di malessere, i miei concittadini non possono vivere così…voglio fare qualcosa per il mio Paese. Voglio riportare la rinascita nella mia comunità. San Felice Circeo è una terra di leggenda, il mito della Maga Circe, i Templari, Neanderthal…ma è soprattutto la terra di persone che ogni mattina si alzano, si rimboccano le maniche e vanno a lavorare. Persone che lavorano dando vita a prodotti di qualità, che devono diventare la nostra eccellenza. Desidero che ognuno di noi, dall’anziano, alla coppia di sposi, ai giovani, quando alza gli occhi e vede la nostra verde montagna, quando muove lo sguardo al mare, alla nostra terra lavorata con fatica, senta con orgoglio il senso di appartenenza. Per questo ci resta solo un compito da svolgere bene: lasciare ai giovani la nostra città in un modo sicuramente migliore di come i nostri padri l’hanno lasciata a noi. Lasciamo ai nostri ragazzi la possibilità di crearsi un futuro nel proprio Paese, solo così San Felice Circeo brillerà finalmente di forza propria!”




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

08-06-2017

Rogo nell’impianto per i rifiuti di casale Bussi, problemi con la raccolta anche in città di Latina

riceviamo e pubblichiamo

L’Amministrazione comunica che a seguito dell'ennesimo incendio di un impianto di trattamento dei rifiuti TMB avvenuto nella nostra Regione, in questo caso quello di Casale Bussi a Viterbo andato a fuoco nella notte tra il 3 e 4 giugno, si stanno registrando disservizi nell’espletamento del servizio di raccolta e smaltimento anche nel nostro Comune. La Regione Lazio infatti, come misura emergenziale, ha disposto il conferimento di alcuni Comuni situati a nord di Roma presso l’impianto della Rida Ambiente di Aprilia, l’unico impianto di trattamento per rifiuti indifferenziati rimasto al servizio di tutti i Comuni del sud della Provincia di Roma e del nord della Provincia di Latina dopo l’incendio dello scorso anno presso il TMB della Pontina Ambiente (situato in località Roncigliano nel comune di Albano). Tale misura sta determinando eccessivi tempi di attesa dei mezzi della Latina Ambiente, i quali non riescono ad essere svuotati per tempo al fine di completare altri giri di servizio. L’Assessore all’Ambiente Roberto Lessio, sentiti i curatori fallimentari della società, ha sollecitato la stessa Regione Lazio ad intervenire per eliminare questa criticità e a ridurre al minimo i disagi determinatisi. Verificato che tale situazione potrebbe perdurare anche nei prossimi giorni, si invitano tutti i cittadini di Latina a collaborare cercando di separare il più possibile i rifiuti da destinare al circuito della raccolta differenziata, in modo da ridurre al contempo la produzione di rifiuti indifferenziati da inviare presso l’impianto di Rida Ambiente.  




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

07-06-2017

Il 5x1000 del Comune di Latina destinato ad interventi di contrasto alla povertà

.

L’Amministrazione comunale intende sbloccare e destinare l'avanzo del 5x1000 dello scorso anno a misure di contrasto alle povertà volte a favorire l'inclusione sociale. Si tratta di misure innovative nel quadro del welfare locale che prevedono la collaborazione con soggetti privati per aumentare le possibilità che i cittadini più bisognosi abbiano un aiuto concreto. Verranno presentate domani, nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 11.30 nella sala Enzo De Pasquale del municipio. Per l’occasione la Caritas della Diocesi di Latina e Banca di Credito Cooperativo - Cassa Rurale ed Artigiana dell'Agro Pontino sono state invitate a presentare i risultati delle attività promosse negli ultimi tre anni nell’ambito del progetto Microcredito. Interverranno alla presentazione il Presidente della BCC-Cassa Rurale e Artigiana dell'Agro Pontino Maurizio Manfrin, il Direttore della Caritas diocesana Don Angelo Buonaiuto, Pietro Gava quale coordinatore del progetto Microcredito, il Sindaco e l’Assessora alle Politiche di Welfare per il Comune.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

07-06-2017

Simeone (FI):La Regione da' il via libera alla stabilizzazione dei precari Asl

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO

“Finalmente la Direzione regionale salute, con nota del primo giugno, ha autorizzato le Asl di Latina e del Lazio ad aprire la stagione delle stabilizzazioni di precari impiegati nelle proprie strutture in base alle procedure concorsuali riservate per l’assunzione di personale precario del comparto sanità contenute nel DPCM di marzo 2015. Ed alla luce delle modifiche introdotte con la proposta di legge che abbiamo presentato anche per evitare che circa 600 precari della Asl di Latina restassero esclusi dalle procedure di stabilizzazione. Una proposta di legge approvata all’unanimità il 5 aprile 2017 trovando in tutti i consiglieri regionali un’ampia condivisione sull’esigenza di evitare una emergenza irreparabile per l’erogazione delle prestazioni sanitarie e la sopravvivenza stessa dei nostri ospedali. Finalizzata a dare risposte a chi nonostante la precarietà non ha mai perso la speranza e a testa bassa ha continuato a lavorare assicurando prestazioni e assistenza efficienti ai nostri cittadini. Oggi, infatti, il personale precario avente i requisiti contenuti nella legge regionale 4/2017 potrà accedere alla stabilizzazione contribuendo a dare maggiore equilibrio e stabilità alle strutture sanitarie del nostro territorio. Si tratta di una risposta concreta per tutti coloro, medici, infermieri, tecnici e tecnici radiologi, che rischiavano dopo dieci anni di sacrifici, impegno e dedizione di essere ingiustamente esclusi dal processo di stabilizzazione. Con l’approvazione di questa legge abbiamo rimosso quegli ostacoli normativi, di natura regionale, all’attuazione delle norme di salvaguardia introdotte dal legislatore nazionale. Abbiamo assicurato il diritto al lavoro e la giusta tutela a coloro che da anni rappresentano la spina dorsale dei nostri ospedali garantendo ogni giorno l’erogazione dei livelli essenziali di assistenza. Ora le Asl di Latina e del Lazio dovranno fornire alla Regione, come si legge nella circolare, “i provvedimenti di indizione delle procedure ai fini della relativa pubblicazione nel rispetto delle disposizioni vigenti e delle indicazioni regionali anche per le figure eventualmente non previste nella programmazione 2017 ma da prevedere nell’anno 2018”. Oggi si passa finalmente dalle parole ai fatti. Lavorando con determinazione siamo riusciti a superare una emergenza che avrebbe pregiudicato in modo irreparabile le eccellenze che caratterizzano la nostra sanità. Questa è la politica che lavora. Questa è la politica che funziona perché recepisce le istanze di cittadini e territori e riesce in tempi rapidi a dare risposte adeguate. Questo è lo sprone per fare ancora di più e meglio perché se abbiamo vinto una battaglia la strada per vincere la guerra è ancora lunga. Il passaggio successivo deve essere adeguare la pianta organica e le strutture dei nostri ospedali alla reale affluenza dei cittadini. Solo in questo modo la costante emergenza degli ospedali di Latina e del Lazio, in cui medici ed infermieri sono costretti a turni massacranti, a rinunciare ai legittimi riposi e alle ferie, si potrà dire davvero superata”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

07-06-2017

Circeo Futura, venerdì l’evento di chiusura

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO

Evento di chiusura della campagna elettorale per “Circeo Futura”. L’incontro si terrà venerdì 9 giugno alle ore 20:30 presso il Circeo Park Hotel in via lungomare Circe 49. Saranno presenti il candidato sindaco Giuseppe Schiboni e i dodici aspiranti consiglieri: Giandario Agulini, Fabio Beccari, Felice Capponi, Giovanni Casciaro, Vincenzo Cerasoli, Monia Di Cosimo, Marco Di Prospero, Luigi Di Somma, Ines Palazzi, Rita Petrucci, Rita Rossetto, Franco Tassini. “In questi mesi – dice Schiboni - abbiamo avuto un confronto costante con i cittadini e con le categorie produttive da cui è scaturito un programma che è stato largamente condiviso. Venerdì sera sarà l’occasione per salutare e ringraziare tutte le persone che ci hanno sostenuto in questo lungo ed entusiasmante percorso fatto insieme. Vogliamo ridare il sorriso a tutti i nostri cittadini e soprattutto vogliamo riprendere lo sviluppo del nostro territorio”. La serata al Circeo Park Hotel si concluderà con una cena in riva al mare.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

07-06-2017

Il messaggio del Sindaco in ricordo del Maestro Marsella

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO

Ho appreso con commozione la notizia della scomparsa del Maestro Lamberto Marsella, figura dalle straordinarie doti umane, professionali, artistiche. E’ venuto a mancare un prezioso punto di riferimento nel nostro panorama culturale. Il Maestro Marsella ha dato tanto alla nostra comunità, come direttore della Banda musicale comunale “Gioacchino Rossini” per quasi 60 anni, come insegnante che ha saputo trasmettere ai suoi giovani allievi l’amore incondizionato per la musica. Di Lamberto voglio ricordare la tenacia, lo spirito combattivo, la passione con cui affrontava la formazione di musicisti in erba, la capacità che aveva di divertirsi con la musica, tutti tratti che l’hanno distinto sempre e che sono stati forse il segreto della sua vita così lunga e ricca di soddisfazioni. Un caro abbraccio va alla famiglia, alle figlie, ai nipoti, ai tanti allievi che ha contagiato con la sua passione. Saluto con affetto il “nostro” Maestro ringraziandolo per il prezioso esempio di vita e l’eredità artistica che lascia alla città di Latina. (Il Sindaco Damiano Coletta)




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

06-06-2017

Province, secondo la Conferenza Provinciale la legge Del Rio va cambiata

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO

La Conferenza Provinciale delle Istituzioni convocata dalla presidente Eleonora Della Penna si è riunita ieri mattina per fare il punto sulla situazione dell’ente a seguito della riforma Delrio e ribadire, anche attraverso un documento, l’esigenza di restituire alle Province la dignità prevista dalla Costituzione. Alla riunione hanno preso parte i senatori Claudio Moscardelli e Claudio Fazzone, l’onorevole Federico Fauttilli, i consiglieri regionali Rosa Giancola, Enrico Forte, Gaia Pernarella e Giuseppe Simeone, il sindaco di Latina Damiano Coletta, il segretario generale della Camera di Commercio Pietro Viscusi e, in rappresentanza di Unindustria Latina per una audizione sui temi legati alla materia ambientale, il direttore Corrado Felici e il vice presidente Francesco Traversa. Durante la riunione il presidente Della Penna ha illustrato ai presenti lo stato in cui versa l’ente ribadendo le difficoltà economiche, legate ad uno squilibrio per il 2017 pari ad 11 milioni e 867mila euro che va ad incidere sull’espletamento delle funzioni fondamentali della Provincia, ossia la gestione della rete stradale provinciale, dell’edilizia scolastica e, per quanto riguarda una serie considerevole di pratiche, la materia ambientale. “Il punto di partenza – ha affermato il presidente Della Penna nel corso del suo intervento – è inevitabilmente una fotografia dello stato dell’ente. Tutti conoscono la battaglia che, anche nei mesi scorsi, abbiamo portato avanti con i colleghi presidenti che fanno parte dell’Upi e tutti sanno bene che questa Provincia sta andando avanti mentre altre, in alcuni casi, hanno dovuto dichiarate dissesto. Andiamo avanti non senza difficoltà, però. Difficoltà che ci stanno portando a una situazione insostenibile che non ci consente più di garantire l’espletamento di funzioni fondamentali che riguardano la sicurezza dei nostri concittadini”. I numeri parlano di un ente alle prese con tagli pari a quasi 25 milioni di euro (al pari o, in alcuni casi, più di Province come Venezia, Bologna e Genova), che ha visto dimezzare il numero di dipendenti (causa di notevoli ritardi nell’espletamento delle pratiche, ad esempio, per la materia ambientale) e il cui budget per fare fronte alla manutenzione di 886 chilometri di strade si è ridotto a 678 euro a chilometro a fronte di 5.686 euro del 2013. A questo si deve aggiungere il dimezzamento delle risorse per l’edilizia scolastica, scese a circa 700mila euro annui. Il presidente Della Penna ha così portato all’attenzione dei presenti un documento, condiviso dai parlamentari, dal sindaco di Latina e dalla Camera di Commercio e che verrà integrato anche dal contributo dei consiglieri regionali presenti che hanno manifestato, sul piano pratico, la loro disponibilità per rendere partecipe la Regione Lazio nella risoluzione delle questioni, ad esempio la delicata materia del personale e del ricollocamento della polizia provinciale, dovute alla mancata approvazione, nel Lazio, di una legge di riordino. Eleonora Della Penna “Dalla riunione è emersa, unanime, la volontà di ribadire con forza l’esigenza che il governo restituisca dignità alle province. L’esito del referendum di dicembre non può essere ignorato, i nostri enti fanno parte della costituzione e noi dobbiamo essere messi in condizione di lavorare per dare i servizi che i nostri concittadini si aspettano di ricevere. E’ necessaria una riforma seria della legge Delrio e il parlamento deve prendere atto di questa situazione e assumere un impegno formale verso tutti i cittadini. Inoltre, per quanto riguarda le questioni impellenti legate alle emergenze che il nostro ente sta affrontando e dovrà affrontare nel prossimo futuro, ho voluto sottolineare alcuni aspetti legati a questioni che ormai tutti conoscono. La situazione del personale che non ci consente di svolgere serenamente le funzioni fondamentali ma anche quelle delegate dalla Regione Lazio, e penso in particolar modo all’ufficio ambiente che ha in carico centinaia di pratiche importantissime per le nostre imprese. Per questo motivo sono felice di prendere atto del formale impegno assunto dai consiglieri regionali che hanno sottolineato la volontà di farsi portavoce delle questioni sollevate e di partecipare a un incontro che ho intenzione di convocare entro breve proprio con i rappresentanti della giunta regionale. Ringrazio per il sostegno il sindaco di Latina Damiano Coletta che ha voluto sottolineare, ancora una volta, la sua piena collaborazione. Ai senatori Fazzone e Moscardelli e all’onorevole Fauttilli rivolgo un ringraziamento sentito per il loro appoggio e per l’impegno assunto di ribadire in sede parlamentare l’esigenza di finanziare le Province con risorse adeguate e di rimuovere il blocco stabilito dalla legge di stabilità del 2015 che toglie ai nostri enti la possibilità, tra le altre cose, di organizzarsi autonomamente sul piano del personale, di contrarre mutui per effettuare opere nell’ambito dell’edilizia scolastica e della gestione delle strade provinciali. L’obiettivo unanime è uno e unico: far si che la Provincia torni a fare il proprio lavoro con una seria modifica della Delrio che restituisca all’ente, voglio ribadirlo, la dignità istituzionale e il ruolo di ente di primo livello riconosciuto dalla Costituzione“.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

05-06-2017

Cultura in Comune, pronto il calendario per il mese di giugno

.

Con un reading dedicato alla grande poetessa polacca Wislawa Szymborska, premio Nobel per la letteratura nel 1996, si apre il calendario di eventi proposti alla città per il mese di giugno dall’Assessorato alla Cultura. Il programma ha preso forma grazie alla nutrita partecipazione di artisti e associazioni del territorio che hanno presentato ognuno un proprio progetto aderendo all’Avviso Pubblico con cui l’assessore al ramo, Antonella Di Muro, ha inteso potenziare l’offerta culturale cittadina e dare maggiore visibilità alle produzioni locali. La Szymborska è stata una delle voci più significative del Novecento in poesia e la si ricorderà con l’associazione “Ipazia Immaginepensiero” che il 3 giugno alle 18.30 presenterà nel foyer del teatro D’Annunzio “Per me la poesia nasce dal silenzio”. La lettura e l’interpretazione dei versi della Szymborska, a cura di Emma Marconcini, saranno accompagnate da musica e proiezione. Sempre nel foyer, la terza edizione di “Poesialdodicesimo” promossa dall’I.C. n.12 di Borgo Faiti, premierà il 6 giugno alle 17.00 i ragazzi delle scuole secondarie di primo grado del Comune di Latina che hanno partecipato al concorso cimentandosi nella scrittura di poesie sul tema “Io e la mia città”. La narrazione della violenza sulle donne ad opera dei media e l’influenza che i mezzi di comunicazione – dalla carta stampata alla televisione passando per i social – hanno sull’immaginario comune saranno al centro di un incontro con Flavia Perina e Costanza Jesurum, giornalista la prima, psicanalista la Jesurum, entrambe scrittrici. L’appuntamento, proposto dall’associazione culturale “Magma”, è previsto il 9 giugno alle 18.00 nella Sala del Palazzo della Cultura. Moderano l'incontro Laura De Angelis e Luciana Mattei. L’11 giugno il museo civico Cambellotti ospiterà alle 18.00 il reading musicale “Matilde e altre storie” con l’attrice Emma Marconcini che leggerà alcuni testi di Roberto Chimenti, accompagnata dalla chitarra di Maurizio Fioretti. Il laboratorio di canto e danza popolare proposto già a maggio dall’Astrolabio e dall’associazione “Domus Mea” con la partecipazione del gruppo di cooperazione artistica “Musicantiere”, di Arte Migrante Latina e delle coop Karibu e Il Girasole si sposta dal foyer al Cambellotti l’8, il 15 e il 18 giugno alle 18.00, prima di concludere la rassegna il 20 con una serata-spettacolo organizzata per la Giornata Mondiale del Rifugiato. Il 22 giugno alle 18.00, sempre al museo di Piazza San Marco, la cooperativa sociale “Nuova Era Onlus” proporrà “Conversazione Sinfonietta” di Jean Tardieu, una pièce teatrale in tre atti con Valentina Bettiol, Roberto Di Giorgio, Claudio Eggel, Letizia Eggel, Cristian Emiliani, Giorgio Masullo, Umberto Mogno, Federico Morgagni, Gianmarco Padricelli, Daniel Taranto nel cast di attori, Melania Maccaferri alla regia e con la collaborazione di Andrei Cuciuc. Il 27 giugno alle 21.00 si esibiranno in concerto al teatro Ponchielli il coro giovanile “Enjoy” e l’ensamble “Allegro con brio”. Il 30 i gruppi di Latina e dei Castelli Romani per ActionAid presenteranno alle 18.00 al Palacultura la proiezione de “La ragazza afgana”. Attraverso la formula del teatro-documento si offriranno al pubblico immagini e letture per riflettere su cosa vuol dire oggi essere donne in Afghanistan. Per tutto il mese il Palazzo della Cultura ospiterà la mostra d’arte contemporanea “Natura informale” di Antonio Farina. Farina ha scelto di fare il pittore a tempo pieno, la qualità e l’impegno della sua ricerca sono stati segnati e condizionati dal territorio di Latina e dell’Agro Pontino, terra un tempo metafisica sottratta ai miasmi delle paludi. L'artista dipinge figure e paesaggi, un’amorosa testimonianza che dal 2000 in poi si palesa nella descrizione di una natura diventata amica.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

05-06-2017

PROVINCE, SIMEONE (FI): “PER USCIRE DALLA COSTANTE EMERGENZA LA MADRE DI TUTTE LE BATTAGLIE STA NELLA REVISIONE DELLA LEGGE DELRIO”

riceviamo e pubblichiamo

“Le numerose criticità che la provincia di Latina, come tutte le province italiane, sta affrontando possono essere risolte solo chiedendo con forza una revisione della cosiddetta legge Delrio. Oggi la madre di tutte le battaglie sta nel ridare alle Province la dignità, il ruolo e le funzioni che gli sono state sottratte. Devono tornare ad essere Enti in grado di dare servizi ai cittadini, i cui organi politici siano eletti direttamente dal popolo, e capaci di attuare, senza saltare come accade oggi da una emergenza all’altra, il programma che i cittadini hanno scelto. Questo è stato il cuore dell’intervento che ho effettuato nel corso della conferenza provinciale delle istituzioni che si è svolta questa mattina in Provincia a Latina alla presenza dei parlamentari pontini, dei colleghi consiglieri regionali eletti sul territorio, dei rappresentanti della Camera di Commercio di Latina e di Unindustria Latina. Le Province oggi si trovano ad affrontare un problema di natura strutturale che sta negli effetti devastanti della legge Delrio che li ha ridotti ad Enti di II livello non rappresentativi della volontà dei cittadini . Ed uno di natura contingente, conseguenza della prima, che consiste nella mancanza di risorse anche per svolgere le poche funzioni che gli sono rimaste quali la manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade, delle scuole superiori, la pianificazione territoriale e la tutela ambientale. Solo se saremo in grado di risolvere il primo nodo l’emergenza potrà, concretamente essere risolta, e non solo rinviata di qualche mese. Per queste ragioni ho chiesto che la deliberazione, che ci è stata sottoposta, partisse proprio da quello che è il cuore del problema e cioè dalla richiesta al Governo di revisionare la legge Delrio per ridare alle Province il rango, il ruolo e le funzioni, che meritano ed ai cittadini la possibilità di scegliere, liberamente e democraticamente, da chi essere rappresentati. Contestualmente, e nelle more di una riforma della Delrio non più rinviabile e che comunque richiederà del tempo per essere attuata, dobbiamo, ciascuno per il ruolo che ricopre, lavorare affinchè alla Provincia siano destinate risorse e personale adeguati alle funzioni che deve svolgere a tutela della sicurezza e dell’incolumità dei nostri cittadini. Affinché quanto stiamo vivendo tra Terracina e San Felice Circeo, con la chiusura del Ponte sul Sisto, non si ripeta mai più. Se limitassimo la discussione sull’emergenza che le Province stanno affrontando ad una questione puramente economica avremmo fallito come politici e come rappresentanti delle istituzioni. Ci saremmo limitati a rimandare a domani il problema, senza entrare nel merito della questione e quindi senza risolverla una volta per tutte”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone Roma 05/06/17




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

05-06-2017

Open Day per i Servizi Sociali del Comune di Latina

.

Conoscere, condividere e arricchire il mondo dei servizi che ruotano attorno alle famiglie, ai ragazzi e alle ragazze. Sono questi alcuni degli obiettivi dell’iniziativa che l’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Latina ha organizzato per venerdì 16 giugno. Nel giardino del municipio, a partire dalle 16.30, la cittadinanza potrà scoprire e approfondire le tante realtà che l’Amministrazione mette quotidianamente al servizio dell’intera comunità locale. Operatori del settore, ragazzi e ragazze, famiglie, mondo dell’associazionismo e della scuola saranno attori protagonisti di una coinvolgente presentazione di tutte le attività di servizio dedicate alle persone in ambito sociale e porteranno una testimonianza diretta delle loro esperienze. Tante le sorprese riservate per il pomeriggio del 16. «Le porte del giardino del Comune saranno aperte per la presentazione a tutta la cittadinanza, ma i servizi che lavorano a sostegno delle famiglie, dei ragazzi e delle ragazze sono quotidianamente attivi a supporto di chi ne ha bisogno» sottolinea l’Assessora ai Servizi Sociali Patrizia Ciccarelli.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

05-06-2017

Cambio del senso unico sul lungomare, nuova collocazione per i cassonetti dei rifiuti

riceviamo e pubblichiamo

L’Amministrazione comunale informa la cittadinanza che a seguito dell’inversione del senso di marcia al Lido di Latina, che scatterà a partire dalla mezzanotte di oggi, verranno riposizionati anche i cassonetti per la raccolta dei rifiuti. La nuova collocazione è stata concordata tra gli uffici del Settore Ambiente del Comune e i funzionari della Latina Ambiente al fine di ottimizzare lo svuotamento quotidiano dei contenitori, riducendo al contempo le interferenze e i disagi per residenti, villeggianti e turisti. Attraverso una gara già espletata da tempo dalla Latina Ambiente stessa inoltre è stata concordata la totale sostituzione dei cassonetti lungo tutto il tratto del litorale, sia per motivi di igiene che di decoro. I contenitori rigenerati sono in fase di consegna e saranno posizionati non appena ultimate le necessarie operazioni di manutenzione, in particolare la sigillatura dei coperchi. Saranno di colore grigio e per tale motivo su ognuno di essi verranno apposte chiare indicazioni sulle tipologie di rifiuti da smaltire, mentre gli attuali contenitori di colore verde ancora utilizzabili verranno in seguito riposizionati a loro volta nelle aree più critiche del territorio comunale. Il tutto comunque durerà ancora per un tempo limitato (per questo si è scelta la strada dei contenitori rigenerati) perché con l’avvio dell’Azienda Speciale è prevista l’estensione del servizio di raccolta differenziata con il sistema “porta a porta” anche nelle zone, come nel caso del Lido, dove per le utenze domestiche lo smaltimento attualmente avviene in modo indifferenziato.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

03-06-2017

Elezioni Circeo. Lecizio Parlagreco candidato Sindaco M5S si presenta al Circeo Park Hotel

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO

Lecizio Parlagreco, candidato Sindaco per il Comune di San Felice Circeo per il Movimento Circeo 5 Stelle sa bene che il Territorio e chi si impegna ad amministrarlo ha bisogno di competenza e sguardo attento all’Europa e a fondi di finanziamento per necessari progetti di sviluppo. Ma Parlagreco crede anche fermamente in una politica partecipata. E’ per questo che invita tutta la cittadinanza ad un incontro con Deputati e Europarlamentari pentastellati domani 3 giugno alle 17 al Circeo Park Hotel per progettare una nuova fase di sviluppo ma con chiarezza e trasparenza. “Quale prospettiva di lavoro e di vita abbiamo?” - Si chiedono sempre più spesso i sanfeliciani che hanno visto per anni depauperare le risorse e sottovalutare la grande bellezza del Parco. Parlagreco risponde in modo diretto: “Il presupposto di fondo per poter progettare una nuova fase di sviluppo, è un serio, deciso e fattivo processo di consapevolezza delle proprie risorse strategiche e la riappropriazione del proprio territorio”. “Non ci sentiamo quasi più una Comunità” – hanno detto alcuni nel corso dei vari incontri tenuti al Circeo dal Candidato Sindaco. “E’ vero - risponde il candidato Sindaco M5S - dobbiamo partire dalle basi è da decenni che la Comunità sanfeliciana è sconnessa dal proprio territorio. Non lo conosce più, non lo vive come dovrebbe, non è consapevole delle opportunità che offre. “E allora? Quali sono le azioni correttive?” “La prima necessità per l’Amministrazione comunale di San Felice Circeo – risponde Parlagreco – è l’istituzione di un Ufficio per l’Europrogettazione, cercando fondi per formare nuove professionalità nell’ambito della promozione territoriale, mobilità, marketing territoriale, turismo sostenibile. Inoltre un Comune facente parte di un Parco Nazionale, deve sfruttare una vastissima gamma di opportunità che questo territorio, baciato dalla fortuna, offre. L’Amministrazione comunale – continua il candidato sindaco Circeo 5 Stelle – deve innescare un processo urgente e preliminare di informazione, sensibilizzazione verso temi cruciali come il proprio patrimonio naturalistico e il proprio capitale umano. Parallelamente a questo dovrà avviare, in modo determinato, una fase di progettazione del proprio futuro come Comunità, sia nel breve che nel medio-lungo termine, intercettare i bisogni dei cittadini e capire come reperire le risorse per finanziarlo. Il bilancio comunale non è più sufficiente a finanziare un reale processo di sviluppo e lo sarà sempre meno, bisogna quindi lavorare sul reperimento di fondi presso le Istituzioni superiori come la Regione, i Ministeri, lo Stato Centrale, l’Europa”. Ed è di questo che si parlerà il 3 giugno con Roberta Lombardi, Parlamentare M5S; Fabio Massimo Castaldo, Europarlamentare M5S; Silvana Denicolò, Consigliere e Portavoce M5S e insieme con i candidati Sindaco Lecizio Parlagreco, per San Felice Circeo e Massimiliano Fantini per Sabaudia, dando il primo esempio di come allo stesso tavolo si confrontino con la Regione (Denicolò), lo Stato (Lombardi) e l’Europa (Castaldo).




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

01-06-2017

Intervento del candidato al consiglio comunale di Insieme per il Circeo Giuseppe Bianchi

riceviamo e pubblichiamo

Durante l’intero periodo in cui ho gestito le deleghe, ho lavorato soprattutto per il risanamento finanziario e amministrativo di questo Comune, permettendo a tutti, oggi, di poter vantare dei risultati anche a scopi elettorali. Questo è stato possibile perché ho applicato le politiche di bilancio che hanno reso realizzabili molti lavori, di cui diversi erano già stati previsti nella precedente consiliatura: il recupero delle facciate e il 4 lotto della pavimentazione del Centro Storico, la pista ciclabile di via Terracina, la nuova piazza G. Cresci, il completamento di Vigna La Corte, il recupero dei beni storici e archeologici come il risanamento della villa dei Quattro venti, la sistemazione della fonte di Lucullo, la sistemazione della scalinata del Convento e il recupero dell’orologio della torre dei Templari, la costruzione di quasi 250 nuovi loculi, le decine di lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria fatti dal servizio tecnologico in tutto il paese, per terminare cito anche la gara per la raccolta dei rifiuti porta a porta. Quale amarezza, invece, per il disimpegno di circa 500 mila euro, previsti per la sostituzione di lampioni e per l’efficientamento energetico, che sarebbero stati ammortizzati dalla riduzione delle spese sulla bolletta dell’energia elettrica. Al fine di chiarire, spiego di seguito le modalità con cui si realizzano i lavori in un Comune. Per ogni Ente Locale, così come per tutte le Pubbliche Amministrazioni, ogni iniziativa che comporta una spesa, necessita di un iter amministrativo complesso che inizia con l’inserimento dell’opera che si vuole realizzare, nel piano triennale delle opere pubbliche (si tratta di un allegato obbligatorio al bilancio con cui, l’amministrazione comunale determina i lavori da realizzare con indicazione delle priorità, delle risorse economiche necessarie, dei tempi di realizzazione, in base alle esigenze e ai bisogni della cittadinanza e del territorio). Successivamente, bisogna prevedere la spesa e iscrivere lo stanziamento nel Bilancio di previsione. Solo dopo aver completato queste operazioni, è possibile procedere all’individuazione della ditta fornitrice attraverso una regolare gara d’appalto che viene svolta secondo precisi criteri e tempistiche previsti dalla normativa e che variano a seconda della dimensione finanziaria. Questa procedura può durare anche molti mesi e costituisce il termine della sola fase iniziale attraverso cui una ditta si aggiudica l’appalto. A questo punto si procede con un calendario dei lavori. Normalmente per la realizzazione delle opere pubbliche il pagamento viene dilazionato attraverso i SAL (Stato Avanzamento Lavori) per esempio: a conclusione del 20% dei lavori, poi del 50%, del 70%, del 90% e, il saldo finale, dopo il collaudo dell’opera. Nella maggior parte dei casi i lavori sono finanziati dalla Regione che, dopo aver valutato la proposta del Comune, formalizza l’autorizzazione, ma i finanziamenti non vengono erogati sin dall’inizio. Man mano che l’azienda produce i SAL, il Comune li verifica e li invia alla Regione, con la relativa determina, alla Regione al fine di ottenere il versamento dell’importo certificato. Come è facile notare, i tempi previsti per ottenere materialmente il finanziamento, sono molto lenti e questo accade a causa della crisi economica che ha colpito l’intera Nazione, non è possibile auspicare che la Ditta si autofinanzi le spese della mano d’opera e del materiale occorrente, pertanto è il Comune che deve provvedere alla liquidazione degli importi spettanti, attraverso anticipazioni di cassa. Per questo motivo è indispensabile che nelle casse del Comune ci siano disponibilità finanziarie. Il finanziamento, quindi, della Regione è un rimborso. Nel nostro Comune, all’atto dell’insediamento dell’amministrazione uscente, la disponibilità di cassa era pari a circa (meno) -2.000.000,00 di euro, invece, nel Rendiconto dell'esercizio finanziario 2015, cioè sino a quando ho avuto le deleghe al bilancio e tributi, il fondo cassa (liquidità del comune) ha raggiunto 4.375.752,50 di euro. E’ stato possibile raggiungere questo risultato solo a seguito di un attento e lungo lavoro che ho dovuto svolgere per il risanamento finanziario. Come sempre, i dati di cui ho parlato, sono tutti documentati e accessibili, questo è quanto accaduto dietro le quinte, è un’offesa all’onestà intellettuale ostentare meriti e risultati. San Felice Circeo, 31.05,2017




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

01-06-2017

Nuovi giochi per i bimbi dei nidi comunali di Latina

.

Sono arrivati nuovi arredi e giochi da esterno per i bambini che frequentano i sei asili nido comunali di Latina. La fornitura e posa in opera delle nuove attrezzature, sia funzionali che ludiche, è avvenuta nei giorni scorsi grazie ad un contributo regionale. ll Comune ha partecipato all'Avviso pubblico per la concessione e l’erogazione di un finanziamento ai Comuni della Regione Lazio per il miglioramento dei nidi comunali emanato con determinazione dirigenziale n. 945 del 2014 dall’IPAB Asilo Savoia individuato dalla Regione quale soggetto attuatore  di alcune sottomisure del "Pacchetto famiglia: misure a sostegno delle famiglie del Lazio”.  La proposta progettuale accolta è stata promossa dall'Assessorato ai Servizi Sociali con l'intento di migliorare la qualità ambientale e dei servizi offerti dalle strutture e di garantire un maggiore benessere ai loro piccoli ospiti. 
«La disponibilità di nuovi giochi renderà ancora più piacevole lo svolgimento delle attività all’aria aperta – dichiara l’Assessora Patrizia Ciccarelli esprimendo la propria soddisfazione – e insieme al lavoro prezioso delle operatrici consentirà ai bambini di sperimentare nuove abilità arricchendo il loro percorso educativo. Questo importante finanziamento regionale ci permette di rendere più accoglienti e organizzati i nostri nidi comunali, che devono essere per i più piccoli importanti luoghi di crescita, di scoperta e insieme spazi di libertà, creatività, condivisione, inclusione».




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

01-06-2017

Esordio dei candidati consiglieri del Movimento Circeo 5 stelle

riceviamo e pubblichiamo

“Riprendiamoci il Territorio, non continuiamo a saccheggiarlo altrimenti scomparirà e con lui anche il Turismo, la risorsa principale di San Felice Circeo”. Così hanno esordito i candidati consiglieri del Movimento Circeo 5 stelle, con Lecizio Parlagreco candidato Sindaco, martedi scorso al cinema ‘Anna Magnani’, gremito di gente. Intervento d’esordio e molto caratterizzante è stato quello del candidato Jacopo Di Maggio punta di diamante nell’impegno sulle politiche giovanili e sociali. Quando parla Jacopo sviluppa energia perché, oltre a sviscerare gli effettivi problemi che si trascinano da vent’anni, riesce a comunicare tutta la sua determinazione nella necessità e volontà di ricostruire un tessuto sociale oramai sfaldato, proprio innaffiando le proprie radici che solo dal Parco possono far nascere altre piante sane. E spiega che si deve cominciare di nuovo dai piccoli, dai bambini entrando nelle scuole, educandoli alla conoscenza dell’Ambiente, organizzando visite guidate nel Parco perché non crescano disamorati all’interesse di salvaguardia. Jacopo Di Maggio vuole dare ai giovani sanfeliciani gli strumenti perché possano avere chance di crescita sociale e formativa in termini di lavoro ma anche di stimolo artistico e rispetto della propria persona. “Smascheriamo finte logiche di rinnovamento – ha detto Jacopo - in virtù di un vero, autentico cambiamento” e, determinato, vuol dare ai Sanfeliciani un’alternativa su cui contare ma senza perdere il gusto della Cultura del divertimento, così ha organizzato una festa all’American Bar con Donato Dozzi, un dj di gran spessore e molto legato al Circeo. E che sia tutta un’altra musica perché ‘il divertimento al Circeo è una cosa seria’. Nel corso della serata al ‘Magnani’ ha coinvolto molto anche il discorso di Laura Lucci che fa dello Sport il suo cavallo di battaglia elettorale. “Lo Sport – spiega – è elemento di aggregazione e divertimento nonché di salute fisica e mentale per tutte le età. Per questo, senza promettere opere faraoniche, bisogna partire dalla valorizzazione di strutture e spazi esistenti sul territorio in collaborazione con le Associazioni sportive di San Felice Circeo e facciamo esempi concreti: la tensostruttura di Colonia Elena, il Campo adiacente il Villaggio della Mercede e spazi all’aperto come la pinetina al mare. Poi propongo di creare uscite e rampe di lancio per sport acquatici e sentieri in montagna, tornei, passeggiate e ciclonature ma la cosa basilare è che il Comune si interfacci con tutte le Associazioni sportive e cerchi di capire le problematiche così da intervenire in modo mirato, dando un taglio netto alle promesse non mantenute. La Lucci conclude con una frase di Mandela: “Lo Sport ha il potere di cambiare il Mondo, di ispirare… di portare speranza dove una volta c’era solo disperazione”. E questa speranza di veder impegno tutto l’anno, non solo d’estate la ribadisce il candidato Enrico D’Auria, Sanfeliciano doc che sa accogliere le critiche dei cittadini, sa quali sono i problemi in cui lui stesso è stanco di imbattersi nel quotidiano e si mette in gioco per cominciare dalle cose semplici, che sono poi quelle che alla fine la gente tiene a cuore per una migliore qualità di vita. Ma il Paese ha anche molte qualità inespresse, ne è fermamente convinto l’architetto Marco Pavia di Roma che vive a San Felice e anche lui candidato con il Movimento Circeo 5 Stelle. A documentare con riprese video ogni momento di questa campagna elettorale si distingue il candidato Alessandro Di Federico, regista e documentarista, con una grande esperienza al Parco Nazionale d’ Abruzzo, si rende conto e mette in risalto che sono assolutamente necessarie buone pratiche di gestione del Parco. “Arrivando al Circeo – ha detto - sfido chiunque a trovare un’evidente “Porta del Parco”. Non si respira assolutamente che San Felice sia il cuore del Parco, pare che ad oggi sia diventata solo sostanzialmente la sede della Pro Loco. Non ci sono segnaletiche di alcun genere. Bisogna far tesoro del mare e del bosco e io voglio spendermi perché sia data una marcia in più al Parco recuperando la nostra grande risorsa e mi metto a disposizione perché il Comune si renda più credibile nella consapevolezza della grande bellezza ma anche nella competenza e riesca a comunicare finalmente con l’Ente Parco per azioni concrete di recupero e sviluppo e di preservazione e documentazione. Infatti “Sfruttare al meglio le proprie risorse non è utopia” – come dice la candidata Giorgia Martire – che ha come obiettivo quello di promuovere lo sviluppo del territorio attraverso la creazione di modelli di turismo sostenibile, come la valorizzazione di prodotti tipici, dell’agricoltura biologica e la vendita diretta degli stessi, il cosiddetto km zero. Punto ad una maggiore sensibilizzazione verso il patrimonio paesaggistico, con una particolare attenzione alla pubblicizzazione dei sentieri escursionistici e alla loro percorribilità con pulizia e sicurezza, ma anche ad incentivare un fenomeno come la pesca-turismo, in atto in molte realtà italiane, cercando di sensibilizzare i pescatori sulle opportunità di integrazione del reddito ed anche i turisti e i residenti sulle opportunità ricreative che tale iniziativa offre. Ed ora il prossimo appuntamento del Movimento sarà al Circeo Park Hotel sabato 3 Giugno, ore 17–20 su un tema scottante: “Il mondo del lavoro, dell’europrogettazione e del sistema Microterritori-Regioni-Stato-Europa” con Roberta Lombardi, deputata M5S, con Fabio Massimo Castaldo, europarlamentare M5S e Silvana Denicolò, consigliere regionale portavoce Regione Lazio M5S.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

30-05-2017

Latina ha bisogno di guardare al futuro e non dividersi sul passato

riceviamo e pubblichiamo

Egregio Direttore, Latina ha bisogno di guardare al futuro e non dividersi sulla sua storia in uno scontro ideologico che apre ancora una volta una frattura tra vincitori e vinti. Per questo mi auguro che la proposta di Coletta e di Lbc rimanga solo una proposta estemporanea e questa amministrazione si fermi prima di creare nuovi steccati nella nostra città. La provocazione lanciata ieri dal sindaco e da alcuni consiglieri di cambiare il nome del Parco Arnaldo Mussolini, intitolandolo a Falcone e Borsellino, segna un punto di estrema divisione tra i nostri concittadini. Non sono di certo qui a discutere il valore dei personaggi Falcone e Borsellino che tutta italia conosce per la loro storia di coraggio e lotta alla mafia, ma discuto il metodo e il luogo scelto. Questi due eroi che hanno testimoniato con la loro vita il senso delle istituzioni e la grande fedeltà ai valori della legalità meritano, a mio parere, un'intitolazione ex novo di un luogo simbolo della nostra comunità. Lo dico perché ho avuto l'onore di conoscere personalmente Paolo Borsellino, standogli a fianco in un convegno organizzato presso Montecitorio dall'allora capogruppo al senato Giulio Maceratini in cui si discuteva di lotta alla malavita e alla mafia e in diverse altre occasioni in cui ne ho apprezzato la comunanza di valori e ideali politici. Sono certo dunque che Paolo Borsellino mai avrebbe accettato di ricevere un tale onore dividendo una comunità, cosi come sono certo che altrettanto contrario sarebbe stato Giovanni Falcone. Non si può dunque conferire un così alto onore a personaggi come questi due eroi moderni dividendo Latina e cancellandone un pezzo di storia. Chi sostiene oggi che il Parco Arnaldo Mussolini fu intitolato dal sindaco Ajmone Finestra cade in un grave errore storico, perché il nome del parco risale agli anni immediatamente successivi alla fondazione della nostra città, quando fu scelta una personalità di prestigio legata ai valori dell'ambientalismo dell'epoca. Il sindaco Finestra si limitò esclusivamente a scoprire una targa per ricordarne il nome originario. Ebbene se nessuno negli anni del dopoguerra, quando le contrapposizioni ideologiche erano al loro apice, dopo la cancellazione del nome Littoria, si avventurò nel cambio di nome dei giardini pubblici è grave che lo si voglia fare oggi riproponendo un'inutile contrapposizione nella nostra comunità. Oggi c'è chi vorrebbe addirittura tornare al nome originario di Littoria proponendo un referendum cittadino, io che durante il mio mandato non mi sono mai sognato di cancellare via Gramsci e Piazzale Berlinguer senza istituire termini di paragone con la loro storia, invece arrivo a dire che non si può ancora una volta cadere in questi errori facendo violenza alle generazioni che sono nate e cresciute a Latina e che bisogna guardare oltre gli steccati. Sono d'accordo invece all'inserimento nella toponomastica alle porte della città di 'Latina già Littoria' perché è una definizione che restituisce la memoria storica e permette a tutti noi cittadini di diverse connotazioni politiche di lavorare insieme per il bene della nostra città. Il buonsenso dunque imporrebbe ai nostri nuovi amministratori di uscire dal recinto ideologico dei loro sostenitori e di confrontarsi con i tanti che hanno nel cuore Latina scegliendo insieme un luogo nuovo da intitolare a Falcone e Borsellino. Questa amministrazione che ha raccolto una 'pesante eredità' si deve fortemente caratterizzare per la sua azione amministrativa e non come sta facendo per i suoi atti d'imperio e di arroganza volti a dividere la nostra comunità. Anziché alzare steccati ideologici Coletta e i suoi consiglieri iniziassero a far emergere le loro idee per lo sviluppo e il futuro di questa città. Latina, le nuove generazioni, i nostri figli hanno bisogno di futuro e non di dividersi sul passato. Personalmente appartengo ad una generazione che ha inteso il suo impegno politico istituzionale senza nostalgia per il passato ma, se mi si può accusare di essere un nostalgico allora sono un nostalgico del futuro. Auspico quindi che tutto il dibattito che impegnerà le forze politiche e sociali della città sia indirizzato alla costruzione di uno sviluppo condiviso del nostro territorio. Vincenzo Zaccheo




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

30-05-2017

Lungomare, dal 6 giugno cambia il senso unico

.

Partiranno mercoledì 31 maggio i lavori per l’adeguamento della segnaletica verticale e orizzontale funzionale all’inversione del senso unico di marcia sul lungomare di Latina che entrerà in vigore da martedì 6 giugno, come da ordinanza n. 62 emessa in data odierna. L’atto, firmato dal Comandante della Polizia Municipale Francesco Passaretti, istituisce il senso unico per tutti i veicoli nel tratto di percorrenza compreso tra via Valmontorio e via Casilina. L’intervento, necessario ai fini di una maggiore sicurezza della circolazione veicolare, interessa il tratto del litorale attualmente percorribile in direzione Foce Verde-Capoportiere (a partire dall’incrocio con via Casilina): con il cambio del senso di marcia chi proviene da Capoportiere potrà proseguire verso Foce Verde senza necessariamente svoltare in via Casilina come accade oggi. Chi invece arriva da Foce Verde ed è diretto a Capoportiere dovrà percorrere via Massaro nel tratto in corrispondenza con il senso unico. Chi, infine, percorre la via Sabotino con direzione Foce Verde potrà optare per il percorso di via Massaro oppure percorrere la SP50 (Litoranea) per poi procedere per via Casilina laddove diretto sul lungomare di Latina. La modifica verrà opportunamente segnalata in loco mediante l’utilizzo di pattuglie della Polizia Municipale oltre che con comunicazione sui principali mezzi di informazione.



.ULTIME NOTIZIE:
Sermoneta e il cinema, una mostra per raccontare i 90 film girati nel borgo
Latina in Fiore due giornate dedicate alla ginnastica ritmica
Il 1° luglio Pellegrinaggio notturno alla casa del martirio di S. Maria Goretti (Le Ferriere)
Guardia di Finanza, il bilancio operativo dei primi 5 mesi del 2017
LUNGOMARE, MULTE ILLEGITTIME E DANNO ERARIALE
La D'Dog del Birrificio Losa premiata al Cerevisia 2017, Primo Premio Birre Aromatizzate
L’amore per la due ruote parte dall’Agro Pontino e arriva alle Dolomiti
Controllo straordinario del territorio da parte degli uomini dell’Arma dei Carabinieri
I MagnAttori in scena sabato con l’irriverente commedia di Campanile Povero Piero
Presentazione del libro di Luciano Lembo alla Libreria Feltrinelli di Latina
FORTE (PD) : NESSUNA AUTORIZZAZIONE PER LA DISCARICA DI APRILIA IN LOCALITA’ LA COGNA
Terza ed ultima serata (per questa stagione) del progetto Riviviamo il Nicolosi.
Venerdì 23 e Sabato 24 Giugno ore 19.45 Teatro D’Annunzio Latina NSD in: una notte da Oscar
Cisterna di Latina, denunciato per ricettazione contraffazione opere d’arte
Manifestazione podistica notturna “Olim Palus', le variazioni alla mobilità
Carta d’identità elettronica, dal 26 giugno al via il rilascio
L’economia circolare e la mission della Bio2Gas. Il rifiuto diventerà una risorsa e si trasformerà in biometano
La Festa della Musica 2017 approda al Carrefour Latina con i Soul Glam
Amministrazione condivisa, Labsus investe su Latina
Di Cocco: 'La nuova gara per il Tpl a Latina mette a rischio i posti di lavoro'
Studio Immagin.e s.r.l :: C.F/P.iva 02421000593