Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale


07-08-2017

Forme di integrazione dei migranti i dubbi dell'associazione Contribuenti .it

.

Da un comunicato stampa della Prefettura di Latina apprendiamo che nei giorni scorsi è stato sottoscritto un protocollo d’intesa tra l’Ufficio Territoriale del Governo, ulteriori 9 comuni (Latina, Aprilia, Terracina, Minturno, Priverno, Sermoneta, Maenza, Pontinia e Lenola)che vanno aggiungersi ai precedenti (Fondi, Norma, Cori, Roccasecca dei Volsci, Rocca Massima e Santi Cosma e Damiano) ed Associazioni operanti in sede locale. Tale protocollo è finalizzato, come recita il comunicato stesso, “all’individuazione di forme di integrazione dei migranti ospitati nelle strutture di accoglienza straordinaria nel tessuto sociale della comunità ospitante”. Dalla lettura del comunicato si evince che nei comuni di più remota sottoscrizione, i progetti attuati sono consistiti prevalentemente nella manutenzione del verde e del decoro urbano, “con i quali sono state supportate attività comunali rese più difficoltose dalla carenza di risorse finanziarie e umane”. Si apprende, inoltre, che i richiedenti protezione internazionale ammontano a 2.892 unità, gestite da n. 11 associazioni operanti in provincia, che si attestano complessivamente a 3.210 se si considerano anche coloro che sono ospiti dei Centri di accoglienza straordinaria e programmi Sprar curati dai Comuni. Tuttavia, al riguardo, questa Associazione non può considerarsi pienamente soddisfatta dalle cifre citate dalla Prefettura, in quanto, dalle stesse, non si è in grado di poter effettuare alcuna valutazione sull’effettiva integrazione dei soggetti interessati, anche se non sembra che ciò rientri negli interessi degli enti erogatori dei contributi in denaro, nonché sul grado più o meno intenso né sul tempo impiegato per raggiungere degli standard progressivi di integrazione, i quali dovrebbero essere specificamente previsti nei protocolli, al fine di valutare la bontà dell’offerta “integrativa” proposta dalle Associazioni riceventi le erogazioni economiche. Ciò potrebbe essere indizio di elargizione di somme, anche consistenti, senza che, tuttavia, vengano raggiunti gli scopi precipui per i quali quelle somme vengono messe a disposizione. Altro elemento di criticità, viene rilevato proprio nell’assoluta mancanza di indicazioni sulle somme che vengono erogate e, quindi, percepite, dalle Associazioni e dagli Enti che si occupano dei progetti di integrazione. Altro dato del tutto assente nel comunicato prefettizio è il numero delle persone che sino ad ora hanno volontariamente aderito ai progetti: infatti il numero complessivo delle presenze è del tutto insignificante per le finalità dei progetti di integrazione, in quanto una cosa sarebbe parlare di 10-20 o 30 unità su oltre 3.000, altra cosa sarebbe venire a conoscenza che le unità aderenti ammontano, ad esempio, a 2.000-2.500 o anche più. Non riteniamo inutile, a tal proposito, rammentare che si tratta di denaro pubblico, della cui destinazione e del cui buon impiego dovrebbe essere edotta la cittadinanza tutta in maniera trasparente, magari attraverso la pubblicizzazione di report periodici, conseguenti a specifiche attività di monitoraggio, senza costringere nessuno a dover effettuare particolari e, talvolta, difficili ricerche sui vari siti istituzionali, dai quali, tuttavia, nel migliore dei casi, si ricavano dati sommari e del tutto parziali. Da ultimo, questa Associazione, proprio per le specifiche funzioni nelle quali sono stati dichiaratamente impiegati i soggetti che hanno volontariamente aderito, cioè “prevalentemente nella manutenzione del verde e del decoro urbano” non può esimersi dall’effettuare una ulteriore considerazione. Se i soggetti in argomento sono stati impiegati per tali attività, che sono proprie di aziende che, comune per comune, devono svolgere detti servizi e che, per motivi vari non li svolgevano per “carenza di risorse finanziarie ed umane”, ciò sta a significare che i costi delle lavorazioni affidate agli aderenti ai progetti di integrazione, svolti in sostituzione del personale che doveva ordinariamente svolgerli, devono essere decurtati dal costo che le singole amministrazioni comunali fanno pagare ai propri cittadini attraverso la fiscalità generale. Altrimenti si verificherebbe il paradosso che i cittadini, direttamente o indirettamente, pagherebbero due volte lo stesso servizio, e, per converso, altri soggetti, magari le stesse aziende che non assicurano quei servizi in maniera ottimale, potrebbero indebitamente arricchirsi risparmiando sui costi dei lavori non eseguiti dal rispettivo personale. Questa Associazione, pertanto, auspica che la Prefettura di Latina: 1) voglia rendere edotti in maniera esaustiva i cittadini del proprio territorio sui dati numerici ed economici relativi ai progetti sottoscritti; 2) voglia effettuare regolari ed approfonditi monitoraggi sul corretto impiego delle risorse economiche messe a disposizione di Enti ed Associazioni di volontariato sul tema specifico; 3) voglia rendere noti periodicamente i report dei monitoraggi effettuati in tal senso. Latina, 7 agosto 2017 IL DIRETTORE PROVINCIALE Dott. Antonio Bottoni


Condividi

 

.ULTIME NOTIZIE:
Rogo a Carano, divieto d’uso potabile dell’acqua nelle zone servite dalla centrale
Anzio, a Villa Adele la Rhythmus Ensemble in concerto
Secolare Fiera di San Michele, a disposizione i moduli per partecipare
Nek festeggia i 25 anni di carriera all'Arena Virgilio di Gaeta
NSD in spiaggia con i Super pigiamini
Emergenza incendi, al via la manutenzione di fossi e canali
Aprilia, un arresto per stupefacenti
San Felice Circeo, cittadino marocchino sorpreso con refurtiva
Torna la notte di fuoco a Latina
Cori,fermato un 20enne di origine albanese per spaccio
Aprilia, bloccato ed arrestato un uomo dopo una fuga rocambolesca
Forte (Pd): Azienda ABC, manca un piano degli impianti pubblici
NSD apre l’anno accademico con Andreas Muller
Sermoneta sotto le stelle. il 13 agosto con i Mariachi Sol Mexicano
A Cascia il Latina Calcio 1932
Forte (Pd): Reti di imprese, altri tre milioni e mezzo dalla Regione
Latina Scalo in Corto, chiusa con successo la prima edizione
Autocross: I risultati della tappa del campionato Italiano
Il 12 agosto torna la Notte Bianca a Fondi
Forte (Pd): Dal collegato al Bilancio ingenti risorse per supportare i Comuni del Lazio
Studio Immagin.e s.r.l :: C.F/P.iva 02421000593