cronaca

Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

25-08-2016

L'Associazione Commercianti Latina Centro non parteciperà alla notte bianca nel rispetto delle vittime del terremoto

riceviamo e pubblichiamo

L’associazione Latina Centro comunica di aver fatto presente alla Amministrazione Comunale che, a seguito dei luttuosi eventi che hanno colpito il nostro Paese e la nostra città, l’Associazione non parteciperà alla notte bianca di venerdì 26 agosto. Abbiamo fatto richiesta all’Amministrazione di posticipare la notte bianca e le manifestazioni a supporto della stessa per doveroso rispetto al dramma che tutto il Paese sta vivendo.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

25-08-2016

Finto rifugiato smascherato dalla Polizia, è accusato di essere uno scafista

.

La Polizia di Stato – Questura di Latina , Commissariato P.S. d Formia, nell’ambito dei serrati controlli al contrasto dell’immigrazione clandestina, ha identificato ed arrestato ABOUBAKAR Isman, nato il 01.01.1993 in Sudan, responsabile di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Da giorni personale del Comm.to P.S. di Formia era sulle tracce dell’uomo, appena giunto nel Centro Gus proveniente da Roma. Agli uomini della Polizia di Stato altri due ospiti del citato centro di accoglienza, hanno raccontato che ABOUBAKAR Ismandi era stato il loro aguzzino in Libia ed in particolare di essere colui che effettuava il trasporto dei migranti verso le coste italiane in qualità di scafista, previo compenso in denaro. Le testimonianze delle vittime del sudanese rese agli investigatori della Polizia di Stato, raccontano che gli stessi provenienti dal centro dell’Africa a seguito di varie peripezie, erano stati rapiti dall’ABOUBAKAR in terra Libica, il quale dopo averli sottoposte a mille angherie ed ottenuto un riscatto dai loro familiari, li imbarcava su di un natante di fortuna, unitamente ad altre centinaia di persone, che avevano pagato per essere condotte sulle costa italiana. Durante la traversata ABOUBAKAR Isman, si trovava a bordo di un altro scafo veloce che provvedeva a scappare e ad allontanarsi in acque internazionali una volta intervenute le navi di soccorso. I riscontri investigativi effettuati, anche tramite le banche dati a disposizione delle forze dell’ordine, hanno trovato riscontro nelle dichiarazioni rese dai due testi, permettendo il fermo di p.g. di ABOUBAKAR Isman, accusato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Il P.M. i turno ha disposto l’accompagnamento dell’ ABOUBAKAR presso la Casa Circondariale di Cassino.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

25-08-2016

Due insospettabili avevano in casa diverse piante di marijuana. Denunciati entrambi

.

Nella giornata di ieri la Polizia di Stato - Questura di Latina, nell’ambito dei servizi predisposti per arginare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti ha denunciato D. L. di anni 26 e R.M. di anni 44 per concorso in produzione di sostanze stupefacenti. Gli agenti della Squadra Mobile di Latina, dopo una serie di appostamenti e pedinamenti hanno eseguito una perquisizione in un appartamento di Latina. L’operazione ha permesso l’individuazione di una piccola attività di produzione di piante di marijuana. Infatti gli investigatori della Polizia di Stato hanno rinvenuto sul balcone dell’appartamento del capoluogo pontino, 4 piante di marijuana, impiantate in altrettanti vasi, ben celate alla vista dei passanti e dei dirimpettai da un paravento. Oltre a ciò all’interno dell’abitazione venivano rinvenuti 50 gr. della medesima sostanza stupefacente, già essiccata e pronta per essere spacciata sul mercato della movida pontina, oltre a tre tritaerba e due bilancini di precisione. Per tali motivi gli agenti della Squadra Mobile hanno denunciato in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria D. L. di anni 26 e R.M. di anni 44, entrambi incensurati, per il reato di concorso in produzione di sostanze stupefacenti.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

25-08-2016

Arrestata una coppia di romeni specializzata in truffe realizzate con la clonazione di carte di credito

.

Il 23 agosto 2016, in Sezze (LT), i militari del locale Nucleo Investigativo, traevano in arresto in flagranza di reato due cittadini romeni, un uomo ed una donna, C.A.C. 18 enne e M.M.I.M. 24 enne entrambi residenti nel suddetto comune setino. In particolare l’operazione di polizia veniva eseguita nel pomeriggio di ieri, allorquando i militari dell’Arma, irrompevano all’interno dell’abitazione dei prevenuti, rinvenendo, a seguito di perquisizione domiciliare, prodotti cosmetici e casalinghi, del complessivo valore di Euro 3.000, acquistati on line grazie alla clonazione di tre carte di credito intestate a persone residenti nella provincia di Torino. Nel corso dell’operazione si riscontrava l’allestimento di una vera e propria centrale adibita alla clonazione: tre carte di credito, sulla cui provenienza sono in corso accertamenti, un personal computer e due scanner, il tutto per la consumazione di quella che, in gergo viene definita come un’ attività di phishing, truffa effettuata su Internet attraverso la quale un malintenzionato cerca di ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali, dati finanziari o codici di accesso, fingendosi un ente affidabile in una comunicazione digitale. Le statistiche di analisi di questo tipo di reati segnalano che le transazioni più pericolose sono quelle effettuate via Internet o per telefono quando non è necessario esibire fisicamente la carta. Le truffe vengono compiute attraverso l'utilizzazione del numero della carta di credito che viene riprodotto illegalmente su carte "clonate" che vengono utilizzate sia per lo shopping tradizionale sia per il commercio elettronico. Gli arrestati sono stati accompagnati presso le case circondariali di Roma Rebibbia e Latina in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto. Materiale sequestrato nell’operazione del Nucleo Investigativo di Latina. Nella circostanza si richiamano alcuni accorgimenti da adottare per gli acquisti effettuati on line: controllate sempre l'estratto conto della carta di credito badando in modo particolare alle spese di piccolo importo, dove spesso si nasconde la truffa; non perdete mai di vista la persona alla quale consegnate la carta per l'acquisto durante la transazione. E' sempre preferibile recarsi di persona alla cassa, anche se la cosa (specie in alcuni esercizi pubblici quali ristoranti e pizzerie) può farci perdere cinque minuti di tempo in più e può sembrare meno "chic"; verificate sempre, in ogni negozio, che la carta venga regolarmente passata una sola volta e, comunque, mai in apparecchi diversi nel caso vi venga detto che l'operazione non è andata a buon fine. In questi casi chiamate subito i carabinieri; non distraetevi e non fatevi distrarre durante il passaggio della carta;  tenete da parte le ricevute fino all'arrivo dell'estratto conto; stracciate le ricevute prima di cestinarle; non conservate mai il PIN (numero segreto) insieme alla carta; ricordate che molte banche offrono bancomat che possono essere usate anche come carte di credito. In caso di smarrimento o furto telefonate immediatamente al numero verde specifico per bloccare la carta.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

24-08-2016

Madre e figli mettono a segno un furto presso il negozio OVS del Centro Commerciale Latinafiori: denunciati

.

el camerino per provare i vestiti, ma è uno stratagemma per rubarli. Denunciata madre insieme ai figli minorenni. La Polizia di Stato – Questura di Latina, oggi pomeriggio ha fermato una donnae la figliaresponsabilidi furto presso il negozio OVS del Centro Commerciale Latinafiori. Alle ore 14.00 circa giungeva al 113 la segnalazione di una ragazza che aveva commesso un furto all’interno dell’attività commerciale OVS e, pertanto, veniva immediatamente inviato sul posto un equipaggio della Squadra Volante. Gli agenti intervenuti potevano constatare la giovane, accompagnata dalla madre e dal fratello di dieci anni aveva occultato all’interno di uno zaino numerosi capi di abbigliamento. Gli addetti alla vigilanza, hanno spiegato agli agenti intervenuti che si sono insospettiti quando hanno visto che i tre,con atteggiamento ambiguo, giravano tra gli scaffali e la donna aveva indirizzato la figlia quattordicenne più volte nei camerini di prova con alcuni vestiti. Hanno deciso, quindi, di seguirli a distanza e tenerli d’occhio. Una volta giunti alle casse, la donna si è fermata per pagare alcuni prodotti di pochissimo valore, mentre la figlia, con indifferenza, ha tentato di guadagnare l’uscita ma è stata subito bloccata. Nella borsa c’erano effettivamente tutti i vestiti rubati poco prima dalla ragazzina di quattordici anni con la complicità della madre. La merce depredata, del valore di circa 200 euro, veniva restituita al responsabile del supermercato. Lepersone fermate,accompagnatepresso gli uffici della Questura, sono state identificate per C.A. del 1969 e G.A. del 2001 e denunciate in stato di libertà alla competente Autorità giudiziaria per il reato di furto aggravato.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

24-08-2016

Due donne arrestate per furto aggravato

.

Nella giornata del 23 agosto a Sperlonga (LT), i Carabinieri della locale Stazione, all’interno dello stabilimento balneare denominato “Blu Marine”, traevano in arresto due donne L.S. 26 enne e F.R. 44 enne entrambe di Roma per il reato di furto. Le prevenute poco prima dell’arrivo dei Carabinieri erano state bloccate da un privato cittadino, in quanto avevano perpetrato un furto con destrezza asportando la somma in contante di euro 550 custodita all’interno di un borsello portato a tracolla da un avventore dello stabilimento balneare. Successivamente le donne venivano sottoposte a perquisizioni personali e locali che permettevano di rinvenire e sequestrare n. 20 ricette mediche del servizio sanitario nazionale – Regione Lazio – non compilate, ma con in calce i timbri di alcuni medici del servizio di guardia medica di Fondi (LT), ricette che erano state rubate giorni addietro. Le donne dopo le formalità di rito sono state trattenute nelle camere di sicurezza in attesa di giudizio direttissimo che si celebrerà nella mattinata di domani.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

20-08-2016

Maltrattamenti in famiglia a Latina, nipote provoca delle fratture alla nonna: arrestato

.

La Volante della Questura di Latina nel pomeriggio di ieri è intervenuta in via litoranea, dove era stata segnalata una lite in famiglia . Gli agenti della squadra Volante, giunti immediatamente sul posto, hanno potuto accertare in realtà che la richiedente, poco prima, era stata violentemente malmenata e minacciata dal proprio nipote, il tutto avvenuto alla presenza del figlio dell’anziana signora, il quale, nonostante l’aiuto di un vicino di casa che era prontamente intervenuto per farlo desistere da tali atteggiamenti violenti e soccorrere la donna ultraottantenne, non ha potuto fare nulla per fermare il figlio dalle sue folle gesta. Nella circostanza, l’aggressore, anziché rinunciare a quegli attimi di violenza, assaliva anche il malcapitato che era accorso in loro aiuto. La stessa cosa faceva anche nei confronti degli agenti intervenuti rivolgendosi loro in modo violento, minaccioso ed oltraggioso, tentando invano di fuggire. La donna, a seguito delle percosse subite ha dovuto fare ricorso alle cure dei medici dell’ospedale Santa Maria Goretti, dove le è stata riscontrata, in particolare, la frattura del bacino, ottenendo, per il momento, 40 giorni di prognosi. Anche per un’agente intervenuto sul posto si sono rese necessarie le cure dei sanitari del citato nosocomio, infatti è stato refertato con 6 giorni di prognosi per le contusioni riportate alla spalla ed al gomito destro. Il fermato, condotto in Questura, è stato identificato per S. Daniele di anni 36, pregiudicato, il quale, dopo le formalità di rito, è stato tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia, minaccia aggravata, lesioni personali e danneggiamento, nonché per violenza, resistenza, minaccia e lesioni a P.U. ed associato presso la Casa Circondariale di Latina a disposizione della competente Autorità giudiziaria. L’arrestato comunque, non è nuovo a simili atteggiamenti, infatti circa 15 giorni fa anche il padre dello SCIOTTI aveva fatto ricorso alle cure dei dottori del presidio medico di Cisterna di Latina per le ferite riportate dopo essere stato brutalmente malmenato dal figlio. Nei mesi precedenti, alle manifestazioni violente dell'uomoI non si sono salvate nemmeno le autovetture dei suoi familiari, a cui ha ripetutamente forato i pneumatici e danneggiato la carrozzeria.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

19-08-2016

Rapina alla Credem di Latina, la squadra mobile arresta un uomo

.

Nella giornata di giovedì 18 c.m., personale della 3^ Sezione Antirapina della Squadra Mobile ha tratto in arresto P. Vincenzo, classe 1981, PLURIPREGIUDICATO, originario di Catanzaro ma da anni dimorante a Latina, destinatario del decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica di Latina, poiché ritenuto responsabile della rapinata consumata nel primo pomeriggio dell’11 agosto presso la Banca Credem di Latina. Le accurate indagini eseguite sin dall’immediatezza dei fatti dal personale della Sezione Antirapina e della Squadra Volante, che visionavano le immagini del sistema di videosorveglianza, sono state indirizzate sin da subito nei confronti di P. Vincenzo, arcinoto agli operanti per i suoi trascorsi penali e giudiziari. Gli ulteriori accertamenti esperiti con l’ausilio della Polizia Scientifica, che nel corso del sopralluogo ha rilevato delle impronte digitali, e dalle successive analisi comparative tra le immagini del malvivente e le fotosegnaletiche di P. Vincenzo, corroborate anche dai riconoscimenti fotografici dei testimoni che avevano assistito alla rapina, hanno permesso di delineare un quadro probatorio schiacciante, tanto che l’A.G. ha accolto le tesi investigative formulate, emettendo decreto di fermo richiesto dalla Squadra Mobile. L'uomo è stato rintracciato nei pressi di viale Kennedy e condotto presso questi Uffici per le incombenze di rito e la successiva traduzione presso la Casa Circondariale di Latina. Sono in corso ulteriori indagini finalizzate ad appurare l’eventuale coinvolgimento del P. Vincenzo in analoghi episodi delittuosi commessi in questa Provincia nei mesi scorsi.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

19-08-2016

LatinaAmbiente, UGL: Basta con le polemiche, si faccia il bene dei lavoratori

riceviamo e pubblichiamo

Ormai sono giorni che leggiamo sui mezzi di comunicazione notizie relative alle sorti di Latina Ambiente, soprattutto per quello che riguarda la raccolta dei rifiuti nel comune di Latina, ci teniamo a ricordare però che la Società in questione non si occupa solo di raccolta rifiuti, ma è anche responsabile dell'igiene edilizia per alcune strutture dove vengono erogati servizi pubblici (come ad esempio i servizi all'interno degli edifici scolastici, con i ben noti problemi che si ripresenteranno all'apertura delle scuole) e, con Ecoambiente, della gestione della discarica. La Ugl ribadisce nel presente, come già fatto in passato, che la sola ed unica strada percorribile per tutelare i lavoratori di Latina Ambiente rimane quella della costituzione di una Società in House, come più volte dichiarato anche dai ormai ex Consiglieri Cesare Bruni e Gianni Chiarato unici politici che in tempi non sospetti avevo dato una linea ben precisa. Tutto il resto è polemica sterile, che non rientra nel nostro modo di fare sindacato, noi alle parole abbiamo da sempre preferito i fatti". A dichiararlo è il Segretario Regionale UGL Armando Valiani che ha seguito e segue, in prima persona, le burrascose vicende di Latina Ambiente, insieme al segretario provinciale di categoria, Anna Moretti. "Oggi - continua il Dirigente Sindacale - del precedente Consiglio Comunale sono rimaste alcune persone che devono ancora chiarire le loro posizioni, mentre altre, come Matteo Adinolfi, hanno espresso da subito il parere favorevole alla scelta fatta dall' assessore di bloccare la gare e valutare la costituzione della Società in House, nell'ottica del conseguimento del bene dell' (Azienda/lavoratori). Invito tutti a leggere l'ormai famosa relazione che il Prof. QUATTROCIOCCHI fece al Comune, circa la strada da percorrere per risollevare i problemi di Latina Ambiente e della raccolta dei rifiuti nella cittadina pontina; tale relazione prediligeva senza dubbio una gestione in house della società ed è da li che dobbiamo ripartire. Si invitano pertanto sindacalisti, politici e cittadini a visitare il comune di Pontinia o la città di Livorno, dove la raccolta dei rifiuti è effettuata da una Società privata, controllata però dal Comune. Come sindacato ci schieriamo da sempre dalla parte dei lavoratori, perseguendo la tutela del posto di lavoro, ma anche la crescita economica del territorio, preferendo nettamente la valorizzazione di Aziende locali e non quella di imprenditori che arrivano esclusivamente con l'obiettivo di fare soldi alle spalle dei cittadini, con una pessima qualità del servizio offerto. E' altresì doveroso, prima di portare avanti progetti scellerati, acquisire informazioni precise circa il ciclo dei rifiuti, così da comprendere pienamente il valore delle scelte che la città di Latina dovrà fare a breve e l'impatto che queste avranno in termini di salvaguardia dei posti di lavoro e crescita economica.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

19-08-2016

Due uomini accoltellano un presunto estorsore, arrestati dai Carbinieri per tentato omicidio

.

I Carabinieri della Stazione Itri nella sera di ieri 18 agosto, hanno proceduto al fermo di indiziato di delitto nei confronti di P.M. 35enne del luogo e M.I. 39enne di Fondi per il reato di tentato omicidio nei confronti di V.C. 41enne di Fondi. I due fermati si sono presentati in tempi diversi presso la Stazione Carabinieri ove hanno riferito al Comandante il M.A.s.UPS Giovanni PERSICO di aver avuto una colluttazione con il V.C. in località Calabretto, il quale a loro dire aveva minacciato il P.M. pretendendo la restituzione di un prestito di circa 2.000 euro. I Carabinieri attivavano subito le indagini del caso rintracciando il V.C., il quale a seguito dell’aggressione stava vagando nelle campagne della località Calabretto. Il malcapitato, che presentava varie ferite da arma da taglio alla schiena ed alle spalle, veniva prontamente soccorso e fatto trasportare presso l’Ospedale Dono Svizzero di Formia, ove veniva riscontrato affetto da “ferita da taglio della regione deltoidea sx e ferita della regione dorsale tra apofisi articolari” e giudicato guaribile in 30 giorni s.c. I militari operanti quindi riuscivano in breve tempo a ricostruire minuziosamente lo svolgimento dei fatti. In sostanza i due fermati, sostenendo di voler chiarire la vicenda del prestito, avevano dato appuntamento alla vittima in una campagna di proprietà della suocera di uno degli arrestati. Non appena il V.C. si era presentato sul posto i due, dopo avergli spruzzato dello spray irritante sul volto, lo colpivano più volte con un’arma da taglio, verosimilmente un coltello. La vittima dell’aggressione, nonostante le ferite, riusciva a divincolarsi ed a fuggire a piedi, mentre i due aggressori si davano alla fuga a bordo dell’autovettura con cui si erano recati sul luogo. I Carabinieri quindi, grazie ai gravi indizi di colpevolezza raccolti, procedevano al fermo dei due aggressori i quali, su disposizione Sost. Proc. della Procura della Repubblica di Cassino, Dott.ssa Chiara D’OREFICE, la quale aveva coordinato gli accertamenti, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Cassino.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

18-08-2016

Latitante rintracciato e arrestato sul litorale di Terracina.

.

Nel pomeriggio di ieri la Questura di Latina ha eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Roma a carico di I. Marco, pluripregiudicato romano di anni 34, responsabile di numerosi fatti criminosi quali rapina, ricettazione, furto aggravato e scippo. Lo stesso aveva fatto perdere le proprie tracce dai luoghi di residenza e di abituale frequentazione nella capitale, probabilmente consapevole del provvedimento a suo carico, rendendosi irreperibile da giorni. Gli investigatori del Commissariato di Terracina, in piena collaborazione con i colleghi del Commissariato “Romanina”, ritenuta attendibile la possibilità che il ricercato potesse trovarsi sul litorale, hanno attuato una serie di servizi volti al rintraccio del ricercato. Sono state analizzate una considerevole quantità di informazioni, di natura tecnica e info-investigativa, dalle quali è stato rilevato come l’uomo da ricercare talvolta aveva trascorso delle giornate al mare sul lungomare di levante (spiaggetta). Dopo giorni di appostamenti e ricerche, nel pomeriggio odierno proprio presso la spiaggia indicata, i poliziotti del Commissariato di Terracina travestiti da turisti hanno prima individuato i congiunti di I. Marco e sono quindi rimasti in attesa dell’arrivo della persona in argomento. La pazienza degli agenti è stata finalmente premiata quando, dopo qualche ora, è sopraggiunto l’uomo che, sebbene in passato si sia reso protagonista di rocambolesche fughe per sottrarsi alla giustizia, non ha avuto il tempo di accennare alcun tentativo di fuga. È stata quindi eseguita anche una perquisizione presso un’abitazione periferica di Terracina, zona “San Benedetto”, concessa in locazione all’arrestato, e non facilmente individuata anche alla luce dei tentativi di depistare gli investigatori attuati da Marco I. La perquisizione ha consentito di rinvenire e sottoporre a sequestro circa un etto di sostanza stupefacente del tipo hashish ed un bilancino di precisione per la relativa suddivisione in dosi. Sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati ad accertare se l’arrestato, che annovera anche precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti, avesse allestito una piazza di spaccio a Terracina. Dopo le formalità di rito l’arrestato è stato condotto presso la Casa di Circondariale di Latina.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

18-08-2016

Denunciato giovane che viaggiava su motorino rubato

.

A Latina, Borgo Grappa, militari della locale Stazione Carabinieri, nell’ambito di servizi di controllo del territorio, fermavano un giovane di Latina a bordo di un ciclomotore ed in seguito agli accertamenti effettuati tramite Centrale Operativa veniva appurato che il mezzo risultava compendio di furto consumato nel 2015. Pertanto i militari procedevano al sequestro del veicolo ed alla denuncia all’autorità giudiziaria in pregiudizio del conducente, ritenuto responsabile del reato di ricettazione.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

17-08-2016

Questura di Latina, intensificazione dei servizi per Ferragosto 2016

.

Lo scorso fine settimana, in occasione della coincidenza con la festività del Ferragosto, come di consueto, la provincia di Latina ha registrato un notevole afflusso di vacanzieri, in particolare nei centri limitrofi al litorale, ove in molti casi hanno avuto luogo spettacoli ed intrattenimenti, con ragguardevole aumento del traffico veicolare sulle principali arterie stradali. Tale incremento di popolazione, anche per l’attuale scenario internazionale, ha richiesto una particolare attenzione nei luoghi particolarmente affollati e frequentati da turisti, quali le località del lungomare, per cui si è ritenuto necessario intensificare, da sabato 13 agosto e fino alle prime ore della giornata odierna, le attività di prevenzione e di controllo del territorio nel capoluogo e nella provincia, al fine di prevenire ogni tipo d’illegalità, con lo svolgimento di straordinari posti di controllo. Pertanto i normali servizi svolti dalle autopattuglie nell’arco delle 24 ore, per le quali sono stati impegnati nr. 156 dipendenti, sono stati incrementati con ulteriori 80 uomini della Polizia di Stato, che hanno vigilato sul normale andamento delle giornate e sul tranquillo soggiorno dei vacanzieri nella nostra provincia. Tale, massiccio, impiego di uomini degli uomini della Polizia di Stato ha portato i sui frutti, consentendo di arrestare in flagranza di reato quattro estorsori nel momento in cui stavano ricevendo la somma di denaro ingiustamente richiesta, due stranieri responsabili di furto in abitazione e su autovettura, nonché un cittadino italiano responsabile di rapina impropria e ricettazione. Al termine dei servizi sono stati conseguiti i seguenti risultati: • Persone arrestate: nr. 7; • Persone denunciate: nr. 1; • Posti di controllo effettuati: nr. 47; • Persone controllate: nr. 587; • Autovetture controllate: nr. 306; • Contravvenzioni elevate: nr. 65; Inoltre, personale della Squadra Nautica, utilizzando le moto d’acqua, ha effettuato il pattugliamento del tratto di costa tra Terracina e San Felice Circeo, effettuando i seguenti controlli: • Stabilimenti balneari: nr. 6; • Natanti controllati: nr. 10; • Persone controllate: nr. 12.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

14-08-2016

15enne muore sulla Cisterna - Campoleone

.

Incidente mortale ieri sulla Cisterna - Campoleone. A perdere la vita un ragazzo di soli 15 anni che viaggiava a bordo della sua moto da cross. Sembra che la moto sia stata travolta da un'auto, una Mercedes classe A, alla cui guida si trovava un uomo. Inutili tutti i soccorsi, il ragazzo è morto sul colpo.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

14-08-2016

Sequestrati 30 chili di pesce a San Felice Circeo

.

Non si fermano i controlli della Guardia Costiera anche in questo week-end di ferragosto sull’intero litorale pontino. Negli ultimi giorni, sono state intensificate le attività non solo nei porti interessati da traffico passeggeri, ma anche sulle spiagge. Dopo il ritrovamento di una bimba scomparsa per più di un’ora dalla vista dei genitori lungo il litorale di Sabaudia, questa mattina, a San Felice Circeo è stato fermato, sull’arenile, un uomo di circa quarant’anni, originario di Giugliano in Campania, intento nella vendita ambulante di frutti di mare, crostacei e cefalopodi senza alcun tipo di autorizzazione. Gli uomini in servizio presso il Locale Ufficio Marittimo di San Felice Circeo hanno quindi proceduto al fermo del venditore ambulante ed al successivo sequestro di circa 30 chili di pescato che versava anche in cattivo stato di conservazione. Sul luogo sono intervenuti anche i carabinieri che per quanto di competenza hanno proceduto ad avviare l’iter-procedurale finalizzato all’emissione del foglio di via. Ma non solo, dopo gli eventi degli ultimi giorni, che hanno portato al salvataggio degli occupanti di un’imbarcazione in fiamme nelle acque prospicienti la spiaggia di Levante a Terracina; alle operazioni di soccorso che hanno consentito la rianimazione di un settantenne in fin di vita, recuperato prontamente dal mare dal servizio di assistenza ai bagnanti, si richiama l’attenzione affinché vengano adottate tutte le misure necessarie a limitare eventuali situazioni di pericolo in mare e sulle spiagge ed al rispetto delle regole contenute nel decalogo del bagnante. Tutti gli operatori del settore, chiamati a garantire la sicura fruizione del mare sono quindi invitati a mantenere alta la soglia di attenzione.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

14-08-2016

Automobile in fiamme a Terracina

.

La Squadra Vigili del Fuoco 3 A del distaccamento di Terracina è intervenuta questa notte poco prima delle 3.30 a Terracina, via Badino, per una segnalazione di incendio auto. Sul posto, il personale prendeva atto che una Toyota Yaris era interessata dalle fiamme nella parte del vano motore angolo destro. Cause riconducibili ad un presunto problema all’impianto elettrico. Non si registrano persone coinvolte.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

14-08-2016

Ponza, allarme bomba in alto mare ma è solo gelosia

.

Questa mattina, alle ore 7.30 circa, presso il centralino telefonico del Commissariato di P.S. di Formia, giungeva comunicazione da parte della Capitaneria di Porto di Gaeta, relativa ad una mail giunta alle antecedenti ore 4.49, con la quale veniva segnalata la presenza, su una delle imbarcazioni in partenza da Ponza, di una donna Ucraina che avrebbe compiuto un attentato terroristico. Nell’immediatezza sono stati predisposti specifici servizi interforze da parte di Polizia, Carabinieri e Capitaneria di Porto, di controllo ai passeggeri presso il porto di Formia e quello di Ponza, che per i traghetti partiti da Formia davano esito negativo, mentre al porto di Ponza, alle successive ore 10.00, veniva effettivamente rintracciata ed identificata la donna segnalata che appariva completamente ignara. Successivamente, condotta presso la Stazione dei Carabinieri di Ponza, riferiva di essere da tempo vittima di atti persecutori da parte dell’ex compagno e che già in passato lui l’aveva messa in grandi situazioni di imbarazzo e difficoltà, ponendo in essere azioni simili al solo scopo di danneggiarla.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

14-08-2016

Minacciato per ore: la Polizia arresta quattro giovanissimi dediti alle estorsioni

.

Personale della Squadra Mobile della Questura, coadiuvata dalle Volanti, ha portato a termine una operazione lampo riuscendo ad arrestare quattro giovani responsabili di una tentata estorsione, in atto da qualche giorno, nei confronti di un ragazzo di venti anni e del padre. La giovane vittima, oramai stanca di subire continue minacce e richieste di denaro ieri mattina si presentava in questura, unitamente al padre, denunciando che da alcuni giorni quattro individui, da lui conosciuti solo sommariamente, stavano cercando di estorcergli una somma di denaro senza alcun motivo. Dall’agghiacciante racconto emergeva che gli individui in questione, in due diverse circostanze, si erano recati durante la notte presso la sua abitazione e dopo averlo fatto scendere in cortile avevano preteso, con minacce di gravi ritorsioni fisiche, la consegna, senza alcun motivo, di 300 euro la prima volta e di a 2500,00 euro successivamente. Da ultimo nella nottata di ieri 13 agosto, tre dei quattro estorsori irrompevano anche all’interno dell’abitazione e, alla presenza di altri familiari, la vittima veniva percossa e la richiesta estorsiva saliva. Questa volta il giovane veniva addirittura costretto a salire a bordo dell’auto del padre e trattenuto per alcune ore per convincere il padre a consegnare, entro la giornata, la somma richiesta. Solo la mattina seguente, dopo alcune ore e dopo aver subito ulteriori minacce e percosse,il ragazzo veniva riportato a casa, ove i malviventi rinnovavano le minacce di gravi ritorsioni a tutta la famiglia in caso di mancata consegna, in giornata dei 2500,00 euro richiesti. Stanchi delle ripetute minacce e percosse padre e figlio sono arrivati in Questura ed hanno raccontato tutti i fatti e le circostanze. Anche mentre si trovavano in Questura venivano raggiunti da continue ed insistenti telefonate estorsive da parte dei malviventi che pretendevano la somma nel pomeriggio, durante un incontro che sarebbe dovuto avvenire presso un centro commerciale del capoluogo. A questo punto gli investigatori della Squadra Mobile decidevano di attendere l’incontro stabilito per lo scambio di denaro e con mirati appostamenti sul luogo dell’incontro, verso le ore 16,30 notavano i quattro che si presentavano all’appuntamento e, dopo la consegna di una parte del denaro richiesto, intervenivano immediatamente bloccando tutti i giovani gli estorsori: I quattro già noti alle Forze dell’Ordine sono stati perquisiti e trovati in possesso di un coltello a serramanico. Z. M. nato a Latina nel 1995, ivi residente, con precedenti di polizia; L.M.G. nato a Latina nel 1996, ivi residente, con precedenti di Polizia; E.G.S. nato a Latina nel 1992, ivi residente, con precedenti di polizia; E.G.I. nato a Latina nel 1997, ivi residente, sono stati tutti arrestati per estorsione e tradotti presso la Casa Circondariale di Latina, a disposizione dell’A.G.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

14-08-2016

Arrestati nella notte dalle Volanti due nord africani per tentato furto aggravato

.

Nell’ambito dei servizi di prevenzione e controllo del territorio, predisposti in ambito provinciale, personale della Squadra Volante ha tratto in arresto E. H.M. nato in Marocco ne71 e H.S. nato in Tunisia nel 77 per tentato furto in abitazione e furto su auto. Questa notte, la Volante su segnalazione al 113, interveniva in via Giulio Cesare dove erano state segnalate persone sospette aggirarsi nei pressi del civico 14 . Sul posto, effettivamente, il personale constatava la forzatura del portone d’ingresso del civico 14 inoltre, dei residenti nel palazzo, comunicavano agli operatori che poco prima due persone avevano tentato di entrare in un abitazione dello stabile ma erano stati messi in fuga dal proprietario svegliatosi per i rumori sospetti. Acquisita la descrizione dei due individui, presumibilmente stranieri, gli Agenti si adoperavano per rintracciare le persone segnalate e infatti, a poche centinaia di metri di distanza, precisamente in via A. Saffi, venivano notate due persone corrispondenti a quelle segnalate poco prima, che armeggiavano all’interno di un’autovettura marca SKODA modello Fabia SW, ivi parcheggiata . I due uomini alla vista della Polizia uscivano dall’autovettura, che avevano precedentemente forzato, e tentavano di dileguarsi tra le altre auto parcheggiate ma venivano prontamente bloccati. Inoltre, nel corso della perquisizione, veniva rivenuto, indosso ai malviventi, materiale asportato all’interno dell’autovettura ed altro materiale e di probabile provenienza furtiva (telefoni cellulari, caricabatterie). Durante queste fasi si avvicinava il condomino che aveva allertato il 113, il quale riconosceva senza ombra di dubbio nelle due perone arrestare, gli autori del tentato furto in abitazione. Pertanto i due nord africani venivano tratti in arresto e messi a disposizione dell’A.G, che nella mattinata ha convalidato l’arresto. Pertanto i due arrestati sono stati associati presso la Casa Circondariale di via Aspromonte.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

13-08-2016

Il sindacato di Polizia e i cittadini di Latina arrestano il degrado urbano

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO

Il Movimento dei Poliziotti Democratici e Riformisti ha aderito alla splendida iniziativa, promossa dal gruppo Latina Degrado Urbano, di pulizia del parco Q4 - Q5 tenuta nel pomeriggio di giovedì u.s.. Al programma hanno collaborato, come avviene da tempo, altre associazioni e comitati territoriali, tra i quali: Quartieri Connessi, Parco Natura Q4, Comitato Spontaneo Latina Degrado Urbano, Associazione “Noi ci Siamo” e diversi residenti locali. Il Segretario Provinciale di Latina del Movimento dei Poliziotti Democratici e Riformisti Elvio Vulcano ha cosi esordito: “la nostra adesione è un segno di vicinanza nei confronti dei cittadini del territorio, sono in molti infatti a lamentare una scarsa presenza delle forze dell’ordine in questi due enormi quartieri. La nostra partecipazione alla pulizia del percorso ciclopedonale ci ha permesso di condividere con i residenti preoccupazioni e ansie derivanti dalla limitata percezione di sicurezza che si respira nel territorio.” Molteplici le iniziative territoriali del Movimento dei Poliziotti, tra cui la nascita di un gruppo su Facebook denominato “Presidio di Polizia per i quartieri Q4 -Q5 di Latina”, che ha registrato nei pochi giorni successivi alla messa in rete oltre 700 iscrizioni, che auspicano la realizzazione di un Commissariato della Polizia di Stato in loco. L’iniziativa è stata apprezzata anche dal presidente di “Quartieri Connessi” Ferdinando Cedrone. Ha chiosato Vulcano: “daremo voce e supporto a tutte quelle iniziative locali che mirano ad una maggiore sicurezza dei cittadini, come l’iniziativa di Marco Checchinato del comitato Latina Degrado urbano denominata “ vicinato attivo”, che esorta a segnalare ogni eventuale situazione sospetta ai propri vicini di casa e alle forze dell’ordine.”




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

13-08-2016

Sequestrata discarica abusiva a Gaeta

.

A Gaeta, i militari della locale Tenenza deferivano in stato di libertà una donna del posto che, in località “25 Ponti”, su di un terreno di proprietà di circa 1000 metri quadrati, aveva accumulato e depositava in modo incontrollato, rifiuti pericolosi eterogenei quali plastica, materiale ferroso ed altro di cui si conosce l’origine e provenienza. Il terreno è stato sottoposto a sequestro per gli accertamenti del caso.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

13-08-2016

Cisterna, 46enne in manette per spaccio

.

A Cisterna, militari del locale Comando Stazione, in seguito ad attività investigativa, tesa a contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, traevano in arresto M.M. 46 enne del posto, poiché trovato in possesso, durante una perquisizione locale e domiciliare, di 60,5 grammi hashish, 0,7 grammi di cocaina, 280 grammi sostanza da taglio, attrezzatura per il confezionamento e della somma di 100 euro provento di spaccio. Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro, mentre l’arrestato sarà trattenuto presso nelle camere di sicurezza in attesa della celebrazione del rito direttissimo.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

12-08-2016

Rapina alla filiale del Credem di via Polusca

.

Rapina ieri al Credem di via Polusca a Latina. Secondo la ricostruzione delle forze dell'ordine un uomo con il volto scoperto è entrato nella filiale poco prima delle 15.30. All'arrivo delle volanti della Polizia, il malcapitato aveva già fatto perdere le sue tracce. Sembra abbia portato via solo 30 euro. Gli investigatori sospettano ci sia un legame con un'altra rapina avvenuta poco prima a Pontinia ai danni della filiale del Monte dei Paschi di Siena, dove sono stati trafugati circa 100 euro. In entrambi i casi il ladro è fuggito a bordo di un'auto dove ci doveva essere un complice.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

12-08-2016

Ancora fiamme sulla montagna di Sonnino

.

La Squadra dei Vigili del Fuoco 3 A del distaccamento VV.F. di Terracina è intervenuta la notte passata, appena dopo la mezzanotte, nel comune di Sonnino, località Capocroce, per diverse segnalazioni al 115 di incendio in montagna che minacciava abitazioni e ricovero bestiame. Sul posto, il personale VV.F. prendeva atto che in zona vi erano attivi e non controllati diversi focolai. Immediatamente i Vigili del Fuoco si posizionavano a protezione delle abitazioni più vicine al fronte di fuoco così da iniziare le operazioni di spegnimento, ove possibile, tenendo presente il buio e la zona impervia. Fortunatamente non si registrano danni a persone, animali e abitazioni.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

12-08-2016

La GdF sequestra piantagione di canapa e laboratorio

.

E' stata individuata e sottoposta a sequestro dai militari della Guardia di Finanza del Gruppo di Formia e della Sezione Aerea di Pratica di Mare un’area di circa 2.500 mq adibita a coltivazione di canapa, ubicata nelle campagne del comune di Minturno (LT). A partire dal mese di aprile del corrente anno è stata sviluppata una specifica attività info-investigativa, nel settore dello spaccio di sostanze stupefacenti. Nella circostanza, l'attività ha permesso preliminarmente di appurare che in località Tremensuoli del comune di Minturno si era venuta a creare una vera e propria "piazza di spaccio" di sostanze stupefacenti, con particolare riferimento all'utilizzo di canapa trattata con metadone, oggi chiamata comunemente "amnesia". L'attività, sviluppata attraverso sopralluoghi, pedinamenti e acquisizioni di notizie, ha consentito alle Fiamme Gialle di apprendere che la particolare e pericolosa sostanza stupefacente proveniva da una coltivazione ubicata su una vasta area agricola, ingannevolmente indicata come “coltivazione di canapa a scopo industriale”. Il soggetto monitorato, utilizzatore dell'area, nonché produttore e venditore della sostanza stupefacente, aveva trasformato alcuni locali di un immobile in un vero e proprio "laboratorio chimico", nel quale provvedeva, prima della commercializzazione, alla trasformazione chimica della sostanza stupefacente. Dietro la parvenza legale di una coltivazione di canapa industriale, infatti, il G.A. realizzava dei veri e propri cocktail chimici, immergendo la canapa nel metadone al fine di potenziarne l'effetto del delta-9-tetraidrocannabinolo, detto comunemente THC, producendo di fatto una sostanza che poteva essere venduta sia essiccata, per essere poi fumata dall’acquirente, sia allo stato vaporoso, per essere inspirata attraverso specifici inalatori. L'intera area agricola adibita alla coltivazione della cannabis, risultata essere pari a 2500 mq, è stata sottoposta a sequestro e, su disposizione dell'A.G. inquirente e con la collaborazione del personale del Corpo Forestale dello Stato, si è proceduto alla catalogazione, quantificazione e campionatura della sostanza stupefacente, che è risultata essere pari a kg. 4.180, per un totale di 104.500 piante. Il responsabile è stato tratto in arresto per violazione degli artt. 73 D.P.R. nr. 309/90 e 2 della legge 2 ottobre 1967, nr. 895.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

12-08-2016

Incendio di sterpaglie a Latina, una donna si sente male

.

La squadra 7A dei vigili del fuoco del distaccamento di Aprilia è intervenuta nel primo pomeriggio di ieri, nel comune di Latina in via Rio Martino, per un vasto incendio di sterpaglie che minacciava alcune abitazioni. In un caso specifico il fuoco ha coinvolto un piccolo ricovero per attrezzi di casa di una civile abitazione. Una donna è stata colta da malore, soccorsa nell immediato dal personale dei vigili del fuoco con tecniche TPSS e poi presa in consegna dal 118.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

11-08-2016

Cisterna. Cade albero secolare, intervento dei Vigili del fuoco

.

La Squadra dei Vigili del Fuoco 7 A del distaccamento VV.F. di Aprilia è intervenuta verso le 18.45 di ieri, 10 agosto, nel comune di Cisterna di Latina, via Aprilia, per una segnalazione di un albero secolare di sughero caduto in strada. Per la rimozione della grossa pianta, il personale VVF, ha utilizzato l’Autogru VV.F. proveniente da Latina. Non si registrano persone coinvolte.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

10-08-2016

Arrestato dal Commissariato di Fondi un uomo mentre appiccava un incendio

.

Nell’ambito dei servizi di prevenzione e controllo del territorio, predisposti in ambito provinciale, personale del Commissariato di P.S. di Fondi alle ore 13.00 odierne è intervenuto in località S. ANDREA, precisamente nelle campagne adiacenti alla Via Malanotte, per un vasto incendio sviluppatosi. Il personale operante immediatamente giunto sul posto, ha potuto scorgere, sebbene nascosto nella vegetazione, una persona nell’atto di dare fuoco a delle sterpaglie il quale, alla vista degli operatori, tentava di nascondersi fra le vegetazione, pur non desistendo dal detenere ancora in mano l’accendino e il cartone utilizzato per appiccare il fuoco alla folta vegetazione. L’uomo ha quindi tentato di darsi a precipitosa fuga nei campi, tanto da costringere gli operanti ad inoltrarsi nella boscaglia per diverse centinaia di metri con l’incendio in corso. Dopo la fuga protrattasi per diversi minuti, il piromane è stato raggiunto dai dipendenti ma ha tentato di opporsi all’arresto, sferrando calci e pugni e utilizzando addirittura il cartone incendiato. L’uomo è stato quindi identificato come D. N. G. P. nato a Fondi nel 1969. Successivamente si è potuto accertare che mediante l’utilizzo di un accendino e di una scatola, la persona arrestata aveva appiccato il fuoco ad un vasto appezzamento di terreno, poi estesosi in tutta la zona danneggiando in maniera irreparabile numerose colture ivi esistenti, inoltre le fiamme, violente e di forte consistenza, attingevano i muri perimetrali di una cabina ENEL e la base di un traliccio dell’alta tensione, entrambi asserviti allo scalo FF.SS. di Fondi e necessari ad alimentare la circolazione ferroviaria nel tratto di competenza. Per estinguere le fiamme è stato necessario l’intervento di diverse squadre dei VV.FF. e della locale protezione civile, oltre all’impiego di un elicottero con cesto. L’incendio nella sua vastità ha rallentato la circolazione stradale sulla strada SS.7 Appia in entrambi i sensi di marcia e costretto l’Ente FF.SS. a far viaggiare a vista i convogli ferroviari in transito sulla direttrice Roma-Napoli.L'uomo, al termine degli accertamenti di rito ed arrestato per diversi reati quali incendio doloso, minacce, violenza e resistenza a P.U. e danneggiamento aggravato, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Latina a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

10-08-2016

Scauri di Minturno, arrestato un uomo per violenza sessuale nei confronti di una minorenne

.

Questa mattina,  in Scauri di Minturno (LT), i Carabinieri del N.O.RM. - Aliquota Radiomobile della Compagnia di Formia, hanno tratto in arresto Agostino R. 41 enne, della provincia di Caserta, venditore ambulante. Il predetto, gestore di un banco per la vendita ambulante di indumenti intimi all’interno del mercato settimanale, svolgendosi in quel centro, toccava e palpeggiava il seno di una minorenne, originaria della Francia, che aveva lì acquistato della merce. Lo stesso, inoltre, rivolgeva anche degli apprezzamenti espliciti alla minore, che prontamente riusciva a svincolarsi e raggiungere i propri genitori, i quali allertavano la Centrale Operativa Carabinieri di Formia. I militari operanti, prontamente intervenuti, bloccavano il prevenuto e lo accompagnavano in Caserma per gli accertamenti del caso. La minore, in evidente stato di turbamento, veniva trasportata presso il pronto soccorso dell’ospedale civile di Minturno (LT), a mezzo personale del 118, dove veniva visitata e dimessa per “stato ansioso reattivo”, con prognosi di gg. 5. Dopo la formalizzazione della denuncia da parte del genitore della minorenne, in Italia per trascorrere un periodo di vacanza, il predetto veniva dichiarato in stato di arresto e dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Cassino (FR), come disposto dall’A.G.




Clicca sull'immagine per vederla a dimensione reale

10-08-2016

Terracina, rompe vetro autobus mentre dà in escandescenza

.

A Terracina, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia, a conclusione di attività investigativa, identificavano e deferivano all’A.G. in stato di libertà A.G., un 41enne, il quale delle prime ore del pomeriggio, allo scopo di costringere l’autista dell’autobus impegnato nel servizio di trasporto urbano, ad effettuare una fermata fuori dall’area prevista, colpiva con un pugno il vetro laterale destro del mezzo pubblico, mandandolo in frantumi e cagionando, conseguentemente, lesioni giudicate guaribili in giorni 10 s.c. ad un avventore che stava viaggiando a bordo del predetto mezzo e che veniva investito dalle schegge liberate per effetto della frantumazione.



Condividi

 

.ULTIME NOTIZIE:
L'Associazione Commercianti Latina Centro non parteciperà alla notte bianca nel rispetto delle vittime del terremoto
Frammenti di Attualità a Cori, le tre serate saranno moderate dal giornalista Michele Cucuzza
Vini e gastronomia eccellente protagonisti nel weekend di fine agosto all'evento SKY WINE & FOOD di Sermoneta
Finto rifugiato smascherato dalla Polizia, è accusato di essere uno scafista
Solidarietà della Pro Loco di Latina per le vittime del sisma durante l’evento 'Suoni di fine estate'
Due insospettabili avevano in casa diverse piante di marijuana. Denunciati entrambi
Arrestata una coppia di romeni specializzata in truffe realizzate con la clonazione di carte di credito
Avviso della Asl di Latina per la Commissione medico – legale, Simeone presenta un'interrogazione
Sospensione del bando per l'affidamento del servizio rifiuti, il PD presenta una mozione
Progetto del Consultorio diocesano per le famiglie con minori in mediazione penale
Madre e figli mettono a segno un furto presso il negozio OVS del Centro Commerciale Latinafiori: denunciati
Due donne arrestate per furto aggravato
Rosati in concerto nei Giardini del Comune e reading letterario nella Torre civica
Terremoto Centro Italia, l’Amministrazione si attiva per offrire disponibilità e aiuto
Il Sindaco presenta la nuova segretaria generale del Comune
prova inserimento
Maltrattamenti in famiglia a Latina, nipote provoca delle fratture alla nonna: arrestato
Rapina alla Credem di Latina, la squadra mobile arresta un uomo
Dopo le elezioni amministrative, parte del PD stila un documento politico contro la segreteria provinciale
LatinaAmbiente, UGL: Basta con le polemiche, si faccia il bene dei lavoratori
Studio Immagin.e s.r.l :: C.F/P.iva 02421000593